Ridoppiare per modernizzare? Modificazioni linguistiche nei ridoppiaggi di alcuni famosi classici Disney

Autori

DOI:

https://doi.org/10.13130/2532-1803/16074

Parole chiave:

ridoppiaggi, lungometraggi disney, doppiaggese, italiano del cinema

Abstract

L’articolo propone un confronto sul piano linguistico tra il primo e il secondo doppiaggio italiano di quattro famosi “Classici” Disney: Biancaneve, Bambi, Cenerentola e Peter Pan. Il caso più interessante è quello di Biancaneve, primo lungometraggio Disney ad essere stato doppiato in italiano nel 1938, che presentava una prima versione cinematografica dai toni ritenuti successivamente troppo aulici, con un testo poco aderente all’originale angloamericano, e che venne pertanto rivisto per l’edizione degli anni Ottanta nell’ottica di un decrescimento della letterarietà. In generale per tutti e quattro i film le modifiche effettuate al testo del primo doppiaggio, in vista della pubblicazione in formato VHS, non testimoniano sempre chiaramente una volontà di modernizzazione linguistica, soprattutto sotto l’aspetto morfosintattico. Più evidente è invece la direzione di cambiamento del lessico, attraverso il quale si è cercato un avvicinamento al linguaggio dei più giovani, con l’eliminazione di arcaismi vistosi e l’aumento dei colloquialismi, secondo le linee di tendenza dell’italiano contemporaneo.

This paper provides a linguistic comparison between the first and second Italian dubbing of four famous Disney "Classics": Biancaneve, Bambi, Cenerentola and Peter Pan. The most interesting case concerns Biancaneve, the first Disney feature film to be dubbed in Italian in 1938, which presented a first film version with tones considered too aulic in the following years, unfaithful to the Anglo-American original version, and which was therefore revised for the 1980s edition, in order to decrease the amount of literary. In general, for all four films, the changes made to the text of the first dubbing, for the publication in VHS format, do not always clearly testify choices of linguistic modernization, especially from a morphosyntactic point of view. The direction of change of the lexicon is instead more evident, through which it has been tried to approach the language of the youngest, with the elimination of clear archaisms and the increase in colloquialisms, according to the trend lines of contemporary Italian.

##submission.downloads##

Pubblicato

2021-08-02

Fascicolo

Sezione

Opera Prima