Dal ricordo al racconto. Origine e alterazione della memoria in Tristano muore

  • Alessandro Ceteroni Università degli Studi di Macerata
Parole chiave: Tristano muore, memoria, allucinazione, déjà vu

Abstract

Quando in un romanzo il materiale narrativo coincide interamente con la memoria del personaggio, diviene necessario chiedersi come si stabilisca il grado di verità della sua testimonianza. In questo articolo cercheremo di ricostruire i processi psichici che determinano la percezione e la rielaborazione dell’esperienza da parte di Tristano, cercando di spiegare in che modo i ricordi si originino, si alterino e si organizzino in quel racconto orale, che lo scrittore/testimone avrà il compito di tradurre in forma scritta.

Biografia autore

Alessandro Ceteroni, Università degli Studi di Macerata
Iscritto dal Gennaio 2013 al Dottorato in italianistica presso l'Università di Macerata

Riferimenti bibliografici

Tabucchi, Antonio. Tristano muore. Una vita. Milano: Feltrinelli. 2004

Ballerio, Stefano. Neuroscienze e teoria letteraria II – Un esperimento di lettura, in «Enthymema», II 2010

Pubblicato
2013-06-06
Come citare
CeteroniA. (2013). Dal ricordo al racconto. Origine e alterazione della memoria in Tristano muore. ENTHYMEMA, (8), 56-70. https://doi.org/10.13130/2037-2426/2946
Fascicolo
Sezione
Cognitive Poetics - A cura di Stefano Calabrese e Stefano Ballerio