N. 3 (2019): Giosuè Carducci prosatore
Contributi individuali

L’ispirazione repubblicana e gli ideali democratici di Carducci

Laura Fournier-Finocchiaro
Laboratoire d'études romanes (LER) - Université Paris 8
Copertina anteriore del volume "Giosuè Carducci prosatore"

Pubblicato 2019-12-07

Parole chiave

  • Repubblica,
  • Repubblicanesimo,
  • Democrazia,
  • Monarchia,
  • Rivoluzione

Abstract

La produzione del poeta-professore riflette in modo globale la sua ideologia, in particolare l'evoluzione della sua ispirazione repubblicana e dei suoi ideali democratici dagli anni '60 alla fine del secolo. Il caso di Carducci, al di là dalle ragioni biografiche, va inserito in un percorso condiviso da altri rappresentanti del mondo politico e letterario che affrontano la questione della costruzione della nazione italiana, e che hanno contribuito a forgiare un linguaggio politico e letterario repubblicano e democratico nel secondo '800 (in particolare Alberto Mario e Francesco Crispi). Attraverso l'analisi e il commento di alcuni suoi discorsi elettorali e di commemorazione politica, e anche all'occorrenza di versi che condensano le sue idee formulandole diversamente, il contributo intende contestualizzare l'ispirazione repubblicana di Carducci e dipanare la questione della sua "evoluzione" verso posizioni filomonarchiche, dagli anni '60 in cui egli diventa il massimo rappresentante della poesia della rivolta antimonarchica e "giacobina" fino all'esaurirsi progressivo della sua ispirazione repubblicana, ma non delle sue parole d'ordine "rivoluzionarie".