Bureaucratic discourse, signature and authorship in John Tzetzes: a comparative perspective

Autori

  • Aglae Pizzone University of Southern Denmark

DOI:

https://doi.org/10.13130/2282-0035/15234

Abstract

Basandosi sull’opera di Giovanni Tzetze (1110-1185 circa), questo contributo offre un’analisi preliminare del ruolo svolto dalle pratiche burocratiche e dalla formazione legale nel definire autografia e autorialità nella Costantinopoli del XII secolo. Mettendo a confronto pratiche archivistiche e firme d’autore, questo articolo dimostra che elementi del discorso legale potevano essere sfruttati dagli intellettuali per rinforzare e mettere al centro la propria voce, superando così i limiti imposti dalle norme sociali e, a volte, la propria marginalità. Questo contributo ha un impianto comparativo, dato che prende anche in esame gli sviluppi della poesia volgare italiana in Sicilia, Bologna e Toscana tra il XIII e il XIV secolo, soffermandosi in particolare sull’opera di Francesco da Barberino. L’approccio comparativo vuole dimostrare che i legami tra scritture burocratiche/legali e scritture letterarie sono una costante transculturale dovuta a pratiche educative e scrittorie simili, mostrando quindi che il caso degli intellettuali italiani del pre-umanesimo è più la regola che l’eccezione.

##submission.downloads##

Pubblicato

2021-03-12

Fascicolo

Sezione

Saggi