Proposte

Proposte online

Hai già Username/Password per ACME?
Vai al Login

Ti serve Username/Password?
Vai alla Registratione

Registratione e login sono richiesti per sottoporre articoli e verificare online lo stato delle proposte inviate.

 

Linee guida per gli autori

Indicazioni per gli autori


Consegna del testo

Il testo del contributo che si intende proporre per la pubblicazione deve essere consegnato al Direttore della Rivista Prof. Fabrizio Slavazzi e/o al Coordinatore redazionale Dott.ssa Serena Feloj (serena.feloj@unimi.it) e/o a un membro del comitato direttivo (in relazione all’ambito di competenza http://riviste.unimi.it/index.php/ACME/about/editorialTeam) in copia elettronica (massimo 50.000 battute).

 

Profilo e recapiti

L’autore dovrà allegare al testo un breve profilo biografico (con l’attuale posizione accademica e altre informazioni ritenute indispensabili a definire la propria identità scientifica), corredato di recapito telefonico, indirizzo e-mail validi e il proprio ORCID-ID, qualora lo si possegga.

 

Abstract

Ogni articolo dovrà essere accompagnato da un breve abstract (10-15 righe) in lingua italiana e in lingua inglese.

 

Revisione

L’articolo verrà poi inviato a uno o due revisori scientifici anonimi. A questo scopo, è necessario che il file e il testo del saggio NON contengano indicazioni che consentano l’identificazione dell’autore.

L’esito della revisione scientifica verrà comunicato all’autore, con eventuali richieste di adeguamento.


Bozze

Una volta che l’autore avrà sistemato il testo del contributo secondo le indicazioni del revisore e lo avrà uniformato alle norme redazionali della rivista, il testo nella sua forma definitiva [**] dovrà essere consegnato al Coordinatore redazionale che lo invierà all’editore per la lavorazione.

Una volta che il testo sarà stato portato in bozze, queste saranno inviate via mail da parte del Coordinatore redazionale all’autore.

Le bozze devono essere restituite, corrette, sempre al Coordinatore e sempre in forma elettronica (scansione in pdf del cartaceo su cui l’autore ha inserito a mano – in modo chiaro e leggibile – le correzioni, oppure con correzioni direttamente sul file pdf, usando la funzione “Aggiungi note”). Sulle bozze le correzioni devono essere puntuali e limitate ai soli refusi oppure a minime sistemazioni del testo. Non sono ammesse riscritture o rifacimenti di paragrafi.

Normalmente il giro di bozze è unico, solo in casi particolari ci potranno essere più giri di bozze.



Norme redazionali

**  Il file definitivo, pronto per la consegna all’editore, deve essere stato preparato secondo i seguenti criteri:

 

 

Formato del documento da inviare

I file devono essere forniti esclusivamente in formato *.doc (Word per Windows o per Mac).

Non sono ammessi file in formato *.odt , *.pages.

 

file di controllo: al fine di potere controllare, durante la lavorazione redazionale, la struttura dell’articolo prevista dall’autore (nel caso, ad esempio, della presenza di immagini e/o tabelle) o quali parole debbano essere composte in carattere corsivo, si invitano gli autori a inviare anche un pdf del proprio articolo.

 

 

Font

È richiesto l’impiego del carattere Times New Roman, sia per l’alfabeto latino sia per quello greco, per tutte le parti del testo.

 

 

Impostazione dei caratteri del testo

NON INTRODURRE STILI DI PARAGRAFO


Titolo principale: Maiuscoletto corpo 16

Titoli di paragrafo: Maiuscoletto corpo 12

Titoli di sezione di paragrafo: Corsivo corpo 11

Testo: corpo 11

Abstract: corpo 10

Citazioni staccate dal testo (a blocchetto): corpo 10

Note: corpo 9

 

 

Interlinea

Usare interlinea 1,2 per testo, titoli, citazioni.

Le note invece devono avere interlinea 1.

 

 

Allineamento e rientri

Tutte le parti del testo devono avere rientri di paragrafo destro e sinistro pari a 0 (zero) ed essere giustificate: sia i paragrafi del testo sia le note NON devono avere il rientro sulla prima riga.

I titoli NON hanno rientri e non devono essere giustificati.

Le citazioni a blocchetto devono staccare di un a capo sia sopra che sotto e NON avere rientro a destra e a sinistra.

 

 

Altre caratteristiche grafiche

Testo

Non è ammesso l’uso del grassetto. L’uso di maiuscolo, maiuscoletto, sottolineature, parole spaziate ecc., così come l’uso di tabelle, testi su più colonne e altre varianti grafiche nel testo va concordato con la Redazione.

Uso delle virgolette:    « »  per citazioni (anche di una sola parola) e titoli delle riviste.

“ ”  per modi di dire e citazione nella citazione.

Eventuali numeri di pagina o di volume in numero romano vanno posti in maiuscoletto.

In maiuscolo si mantengono solo i numeri romani indicanti i secoli o eventi storici (p. es. XVII secolo, XX Congresso del PCUS).

 

Titoli e testatine

Evitare l’alternanza fra tondo e corsivo nei titoli di capitoli e paragrafi e nei titoli di bibliografia: al posto del corsivo utilizzare le virgolette caporali («…»).

La Redazione può intervenire per ragioni di uniformità.

 

Citazioni

Le citazioni lunghe vanno in corpo minore, separate dal corpo testo precedente e seguente tramite una riga vuota.

Per le citazioni brevi nel testo e le citazioni nelle note utilizzare il tondo fra le virgolette caporali («…»).

Per citazioni in latino usare sempre il corsivo senza le virgolette. Per le citazioni in greco usare il tondo senza virgolette.

Interruzione di citazione:        lingue moderne:   […]

                                               latino, greco:   …

Per i puntini di sospensione all’interno delle citazioni è opportuno utilizzare l’apposito carattere unico, che deve essere preceduto e seguito da spazio.

 

Note

All’interno delle note non sono ammessi “a capo”.

I richiami di nota, nel testo e al termine delle citazioni, sia virgolettate («…») sia separate in corpo minore, sono sempre collocati dopo il segno di punteggiatura.

Quando in note successive si dovrebbe ripetere lo stesso riferimento bibliografico utilizzare:

            Ivi, p. … .        (quando la pagina è differente)

            Ibidem.                       (quando anche la pagina è uguale)

 

 

Abbreviazioni     

pp. 00-00, p. 00, p. 00 e ss.

cfr. (confronta); vd. (vedi); nt./ntt. (nota/note); n./nn. (numero/i); p. es. (per esempio), fig./figg. (figura/figure).

In caso di riferimento a una nota, omettere la virgola dopo il numero di pagina (p. es.: p. 129 nt. 7).

e.g. (exempli gratia), i.e. (id est), s.v. (sub voce)

 

Illustrazioni

Ogni illustrazione va fornita in un file singolo e le didascalie in un file di testo separato. I formati preferibili per le illustrazioni sono quelli di stampa: .jpg / .tif / .eps. Occorre fornire anche un menabò delle tavole e indicare precisamente la loro posizione all’interno del testo.

Risoluzione del file-immagine:            figure al tratto: 1200 pixel/pollice (attenzione: NON pixel/cm);

                                               figure in scala di grigi e a colori: 300 pixel/pollice.

In caso si forniscano varie illustrazioni, è opportuno che l’autore dimensioni ciascuna di esse nella scala richiesta in rapporto alle altre e fornisca una proposta di impaginazione. La gabbia misura 120 mm.

 

 

 

*  Riferimenti bibliografici e bibliografia

 

Per tutti riferimenti bibliografici nelle note a piè di pagina si utilizzerà il sistema:

Cognome autore (in maiuscoletto, nonostante il maiuscolo utilizzato in questa pagina on line che non consente di impostare il maiuscoletto) + anno edizione, p./pp.

es.  FORESTI 1948, p. 52

 

Nel caso di più autori, i loro nomi vanno affiancati con il trattino breve:

es.  GUERRINI - MANSUELLI 2005

 

 

In fondo al testo (nello stesso file del contributo) comparirà l’elenco dei relativi riferimenti bibliografici e delle eventuali sigle (di archivi, biblioteche ecc.) o altre abbreviazioni ricorrenti di carattere non bibliografico.

 

Indicazioni generali

 

-       Tutta la bibliografia è in corpo 10;

-       Il nome dell’autore è inserito solo nei riferimenti bibliografici completi.

Nel caso di due e più autori, i loro nomi vanno affiancati con il trattino breve, sia nell’abbreviazione che nella indicazione completa.

-       Titoli di volume in corsivo.

-       I titoli delle riviste andranno indicati per esteso in tondo tra caporali («…»).

-       Fra le abbreviazioni bibliografiche andranno indicate anche sigle di repertori, corpora ecc.

-       L’indicazione della casa editrice è libera, ma deve essere omogenea (se si sceglie di indicare la casa editrice, questa deve comparire per tutti i testi citati).

-       Nel caso di più volumi di un solo autore, questi vanno inseriti in ordine cronologico di pubblicazione (della prima edizione).

-       L’anno della prima edizione si indica fra parentesi dopo l’anno della ristampa o nuova edizione da cui si cita: p. es. 2007 (I ed. 1986). Questa indicazione dovrà essere data solo tra le indicazioni bibliografiche complete e solo in casi particolari nelle abbreviazioni nelle note a piè di pagina.

 

 

Di seguito alcuni esempi:

 

• Citazione di monografie

 

BINNI 1988 : Walter Binni, La protesta di Leopardi, Firenze, Sansoni, 1988.

 

VITTORINI 1997 : Elio Vittorini, Letteratura arte società. Articoli e interventi 1926-1937, a cura di Raffaella Rodondi, Torino, Einaudi, 1997.

 

 

• Citazione di articoli in rivista

 

DIMITRIEV 2015 : Michail V. Dimitriev, Tolleranza religiosa a Mosca? La cultura ortodossa dello stato zarista moscovita e i “musulmani” russi, «Acme» 1 (2015), pp. 253-273.

 

 

• Citazione di miscellanee in cui occorre indicare il nome del curatore

 

STOPPELLI 2008 : Filologia dei testi a stampa, a cura di Pasquale Stoppelli, Cagliari, CUEC, 2008 (I ed. 1989).

 

 

• Citazione di saggi in raccolte, volumi collettivi, atti di convegno

 

UGOLINI 2011 : Gherardo Ugolini, Il tema delle leggi non scritte nella drammaturgia sofoclea, in La storia sulla scena: quello che gli storici antichi non hanno raccontato, a cura di Anna Beltrametti, Roma, Carocci, 2011, pp. 79-95.

 

 

• Citazione di cataloghi di mostre e contributi in cataloghi:

 

CARAVAGGIO 2005 : Caravaggio e l’Europa. Il movimento caravaggesco internazionale da Caravaggio a Mattia Preti, catalogo della mostra (Milano 2005-2006), Milano, Electa, 2005.

 

 

• Citazione di fondi archivistici

 

Stabilire un’abbreviazione per il nome del centro archivistico e/o del fondo di appartenenza in cui sono presenti i materiali citati e mettere solo questa tra i riferimenti bibliografici; dare invece nelle note a piè di pagina l’indicazione specifica del fascicolo secondo i riferimenti di inventario.

 

RCS, ACEB : Fondazione Rizzoli Corriere della Sera, Archivio storico casa editrice Bompiani.

 

 

• Citazione di enciclopedie e repertori (voci e sigle)

 

GUERRINI - MANSUELLI 1960 : Luca Guerrini - Gian Antonio Mansuelli, Elmo, in Enciclopedia dell’arte antica classica e orientale, vol. iii, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 1960, pp. 315-322.

 

Cil : Corpus Inscriptionum Latinarum.

 

• Articolo pubblicato su un periodico accademico on-line:

Patey (2010) : Caroline Patey, Scritto nel vento. Aspetti della questione retorica in Ulysses, «Enthymema», 2 (2010), pp. 2-12, web, ultimo accesso: 10 aprile 2013, http://riviste.unimi.it/index.php/enthymema/ar- ticle/view/786/997

 

• Articolo pubblicato su un quotidiano on-line:

Marino (2011) : Giovanni Marino, Wallace, l’isola e il tennis, «La Repubblica», 31 ottobre 2011, web, ultimo accesso: 4 novembre 2011, http://napoli.repubblica.it/cronaca/2011/10/31/news/wallace_l_isola_e_il_tennis- 24185701/

 

• Articolo pubblicato su un mensile on-line:

Green (2007) : Joshua Green, The Rove Presidency, «The Atlantic.com», settembre 2007, web, ultimo accesso: 15 maggio 2008,  http://www.theatlantic.com/magazine/archive/2007/09/the-rove-presidency/306132/

 

Informativa sui diritti

(Estratto del contratto di edizione)

L'autore concede a ACME il diritto di pubblicare per la prima volta o ripubblicare l’opera entro un anno dalla consegna definitiva e quello perpetuo di distribuirla gratuitamente al pubblico su qualsiasi supporto e in qualunque parte del mondo, ivi compresa la comunicazione al pubblico tramite il sito Web della rivista;

L'autore mantiene il diritto di creare opere derivate e di riprodurre, distribuire, eseguire o mostrare pubblicamente la sua opera in occasione di docenze, conferenze o presentazioni, o altre opere di natura scientifica e attività professionali esplicitando la pubblicazione su ACME;

L'autore mantiene il diritto di diffondere ad accesso aperto, tramite il proprio sito web o tramite un archivio istituzionale o disciplinare, l’opera dal momento della sua pubblicazione su ACME;

L'autore rinuncia, d’accordo con l’Editore, a qualunque eventuale forma di remunerazione accordata dalla normativa nazionale vigente ad autori ed editori per i diritti di reprografia a scopo non di lucro e prestito bibliotecario.

 

Informativa sulla privacy

I nomi e gli indirizzi email inseriti in questo sito della rivista saranno utilizzati esclusivamente per gli scopi dichiarati e non verranno resi disponibili per nessun altro uso.