Introduzione

Autori

  • Pietro Petraroia Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

DOI:

https://doi.org/10.13130/2282-0035/15692

Abstract

"Lo sguardo che oggi rivolgiamo al restauro del Cenacolo Vinciano effettuato subito dopo la seconda Guerra mondiale non può che essere archeologico, in quanto quel restauro non soltanto è “nascosto” dalle successive alterazioni dei materiali costituitivi e aggiunti, (nonché dal mutamento, nei decenni, di prospettiva critica e di fruizione pubblica con cui ci si è rapportati all’opera), ma sostanzialmente è scomparso in gran parte per effetto dei successivi interventi conservativi e in particolare di quello che, iniziato con piccoli saggi sul San Simone da Pinin Brambilla Barcilon nell’estate del 1977, fu poi da lei proseguito sino alla conclusione, con enorme dedizione e grandi affanni per il continuo mutare dei referenti istituzionali con i quali ebbe a confrontarsi in difficili scelte".

##submission.downloads##

Pubblicato

2021-06-04

Fascicolo

Sezione

Attorno al restauro del Cenacolo vinciano nella Milano della ricostruzione