Tommaseo e la narrativa storica: dalla riflessione sull’«Antologia» ai racconti

Autori

  • Arianna Giardini

DOI:

https://doi.org/10.13130/2282-0035/5142

Abstract

Il contributo esamina la riflessione di Tommaseo sulla narrativa storica in relazione alla successiva redazione dei racconti, attraverso lo studio degli articoli apparsi sull’«Antologia». Si analizza l’attività critica dello scrittore e, in particolare, l’insoddisfazione per gli esiti dei romanzi recensiti quali elementi indispensabili per la futura elaborazione delle sue singolari soluzioni narrative. L’individuazione delle specificità della prassi narrativa tommaseana ne mette tuttavia in luce anche gli scarti rispetto alla sua poetica storica. Funzionale in tal senso è la recensione ai Promessi sposi, dove Tommaseo mostra di non comprendere pienamente le ragioni dell’opera e il ruolo dell’invenzione, benché condivida l’intento educativo e divulgativo di Manzoni. Tuttavia, la ricerca dell’essenzialità e della poesia come condizioni per un buon romanzo approderà a strutture antinarrative e a una prosa d’arte destinate a un pubblico meno ampio di quello manzoniano: si esclude così l’incolto destinatario di quella pedagogia del romanzo espressa nella rivista fiorentina.

Biografia autore

Arianna Giardini



##submission.downloads##

Pubblicato

2015-08-04

Fascicolo

Sezione

Saggi