Saggi

Il desiderio di essere una cosa

Andrea Rondini

Abstract


Nella narrativa contemporanea trova frequentemente spazio la rappresentazione di personaggi votati a una solitudine estrema e all’azzeramento dell’emotività. In particolare l’articolo si propone di analizzare i testi in cui il desiderio di allontanarsi dal mondo assume i tratti di una mutazione sostanziale del soggetto, che diviene, in una progressione reificante, eremita, fantasma, cosa. In Vila-Matas l’isolamento claustrofilico diviene gioco metaletterario, in Sebald assume le forme della solitudine eremitica, in Mari della autotrasformazione in fantasma, mentre Houellebecq e DeLillo sondano le frontiere del mutamento genetico e della criogenizzazione. Si può forse ravvisare in questa ricerca di solitudine radicale e di annullamento della propria identità umana una conseguenza abnorme - nonché sintomo molto rilevante - della necessaria barriera immunitaria che l’uomo ha dovuto innalzare per poter reggere e controbilanciare la dispersione di sé e la struggle for life che il vivere sociale richiede e purtroppo in qualche modo impone.


The representation of characters voted to an extreme loneliness and to abolition of emotionalism frequently finds space in contemporary literary fiction. Particularly the article intends to analyze novels in which the desire to move away from the world assumes the traits of a substantial mutation of the subject, who becomes progressively a hermit, a ghost, a ‘thing’. In Vila-Matas, claustrophilic isolation becomes a postmodern game, in Sebald it takes the forms of hermitic loneliness, in Mari of self-transformation in ghost, while Houellebecq and DeLillo explore the frontiers of genetic change and cryonics. In this pursuit of radical loneliness and annihilation of human identity, perhaps it is possible to recognize an abnormal consequence - as well as a very remarkable symptom - of the necessary immunization barrier which human beings have lifted to hold up and counterbalance the fragmentation of individual and the struggle for life that society requires and unfortunately somehow imposes.


Parole chiave

romanzo; solitudine; eremitaggio; fantasma; vita; novel; solitude; hermitage; ghost; life

Full Text

PDF


DOI: https://doi.org/10.13130/2037-2426/10819

NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aunimi-24182

Riferimenti bibliografici


Andreoli, Vittorino. Il silenzio delle pietre. Rizzoli, 2018.

Atwood, Margaret. L’ultimo degli uomini. 2003. Tea, 2009.

Auster, Paul. L’invenzione della solitudine. 1982. Einaudi, 1997.

Baroncelli, Eugenio. Falene. 237 vite quasi perfette. Sellerio, 2012.

Caffo, Leonardo. Fragile umanità. Il postumano contemporaneo. Einaudi, 2017.

Cavazzoni, Ermanno. Il pensatore solitario. Guanda, 2015.

---. Gli eremiti del deserto. Quodlibet, 2016.

DeLillo, Don. Punto omega. Einaudi, 2010.

---. Zero K. Einaudi, 2016.

Di Bello, Andrea. “Abitare in difesa: case, cantine, biblioteche e feticci nella narrativa di Michele Mari”. PENS, 3 febbraio 2017, https://www.centropens.eu/materiali/articoli/item/42-abitare-in-difesa-case-cantine-biblioteche-e-feticci-nella-narrativa-di-michele-mari. Accesed 2 Dec. 2018.

Doctorow, Edgar Lawrence. Homer and Langley. 2009. Mondadori, 2011.

Esposito, Roberto. Pensiero vivente. Einaudi, 2010.

Grazioli, Luigi, “Enrique Vila-Matas. La festa e l’abisso”. Doppiozero, 5 aprile 2016, https://www.doppiozero.com/rubriche/58/201604/enrique-vila-matas-la-festa-e-labisso.

Houellebecq, Michel. Le particelle elementari. 1998. Superpocket, 2005.

---. La possibilità di un’isola. 2005. Bompiani, 2009.

---. In presenza di Schopenhauer. La nave di Teseo, 2017.

Kafka, Franz. Lettere a Felice, a cura di Ervino Pocar, Mondadori, 1982.

Kang, Han. La vegetariana. 2007. Adelphi, 2016.

Malerba, Luigi. Consigli inutili. Quodlibet, 2014.

Mari, Michele. Fantasmagonia. Einaudi, 2012.

Marino, Paolo. Strategie per arredare il vuoto. Mondadori, 2014.

Mazzarella, Arturo. Le relazioni pericolose. Bollati Boringhieri, 2017.

Menzio, Pino. “Magris, Vila-Matas e la letteratura come conoscenza”. Artifara, no. 17, 2017, pp. 35-53, http://www.ojs.unito.it/index.php/artifara/article/view/1860/1863.

Millás, Juan José. Dall’ombra. 2016. Einaudi, 2017.

Ribatti, Nicola. “Il ritorno del represso. Qualche considerazione su testo e immagine in Schwindel. Gefühle di W. G. Sebald”. Aisthesis, no. 2, 2009, pp. 51-75, http://www.fupress.net/index.php/aisthesis/article/view/11029.

Saramago, José. Cecità. 1995. Einaudi, 2005.

Schopenhauer, Arthur. Il mondo come volontà e rappresentazione, a cura di Giuseppe Riconda, Mursia, 1991.

Sebald, Winfried Georg. Gli emigrati. 1992. Adelphi, 2007.

---. Gli anelli di Saturno. 1995. Adelphi, 2010.

---. Austerlitz. 2001. Adelphi, 2006.

---. Soggiorno in una casa di campagna. 1998. Adelphi, 2012.

Sozzi, Lionello. Gli spazi dell’anima. Bollati Boringhieri 2011.

Tesson, Sylvain. Nelle foreste siberiane. 2011. Sellerio, 2012.

Thomas, David. “Lo splendore della noia”. La pazienza dei bufali sotto la pioggia. 2011. Marcos y Marcos, 2013.

---. “Un corpo”. Non ho ancora finito di guardare il mondo. 2012. Marcos y Marcos, 2016.

---. “Una giornata produttiva”. Non ho ancora finito di guardare il mondo. 2012. Marcos y Marcos, 2016.

Vila-Matas, Enrique. Bartleby e compagnia. 2000. Feltrinelli, 2009.

---. Dottor Pasavento. 2005. Feltrinelli, 2008.

---. Esploratori dell’abisso. 2007. Feltrinelli, 2011.

---. Dublinesque. Feltrinelli, 2010.

---. Un’aria da Dylan. Feltrinelli, 2012.

---. Kassel non invita alla logica. 2014. Feltrinelli, 2015.


Metriche dell'articolo

Caricamento metriche ...

Metrics powered by PLOS ALM

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.







ISSN 2037-2426

Enthymema è una rivista italiana di Classe A per l'area 10, indicizzata in Scopus e Web of Science.

Creative Commons License

Except where otherwise noted, the content of this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 Unported License.

Logo by Mauro Sullam