Teorie del desiderio

L'oggetto del desiderio ha il colore del vuoto

Giovanni Bottiroli

Abstract


L’oggetto del desiderio non è semplicemente un oggetto empirico; su ciò, con qualche esitazione, potrebbe esistere un consenso generale. Resta la difficoltà di indicare le caratteristiche dell’oggetto del desiderio: che non sono banalmente delle proprietà, e neanche solo delle parti (in senso empirico, come si potrebbe nominarle da un punto di vista mereologico). L’oggetto del desiderio ha uno statuto modale: è un oggetto modalmente diviso, nei registri e nei regimi. Nella dimensione del desiderio, tanto il soggetto quanto l’oggetto sono abitati dal conflitto tra il diviso e l’indiviso. La spinta verso l’indiviso corrisponde a ciò che Freud ha introdotto con la nozione enigmatica di «pulsione di morte». In termini lacaniani, è l’attrazione verso la Cosa (das Ding). E la Cosa vuole coincidere con se stessa, abolendo ogni distinzione. L’oggetto del desiderio non è un dato o una forma empirica, per attraente che sia: l’attrazione che esercita proviene dal caos. Alla pericolosa coincidenza del «vuoto-pieno» (das Ding) il desiderio oppone il vuoto logico della non-coincidenza. Una teoria del desiderio non può fare a meno di una riflessione sui differenti significati del vuoto.

Full Text

PDF


DOI: https://doi.org/10.13130/2037-2426/1198

NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aunimi-6421

Metriche dell'articolo

Caricamento metriche ...

Metrics powered by PLOS ALM

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.







ISSN 2037-2426

Enthymema è una rivista italiana di Classe A per l'area 10, indicizzata in Scopus e Web of Science.

Creative Commons License

Except where otherwise noted, the content of this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 Unported License.

Logo by Mauro Sullam