Voci di creature incatenate. Amelia Rosselli ascolta Ingeborg Bachmann

Autori

  • Silvia De March Università degli Studi di Padova

DOI:

https://doi.org/10.13130/2037-2426/2678

Parole chiave:

Amelia Rosselli, Ingeborg Bachmann, poesia, autore

Abstract

Numerose dichiarazioni di Amelia Rosselli istituiscono un rapporto saldo tra l’ultimo suo poemetto, Impromptu, edito nel 1981, e le poesie di Ingeborg Bachmann. Alla luce dei documenti conservati nel Fondo Amelia Rosselli del Centro di Tradizione Manoscritta di Pavia, analizziamo le convergenze testuali tra le due produzioni poetiche e le premesse teoriche affini. Concludiamo che l’ispirazione alla Bachmann è piuttosto labile e che di contro l’insistenza nel proclamare un’ascendenza genetica da una parte convalida una corrispondenza maggiormente retrospettiva, dall’altra rientra nella strategia di autocostruzione di una figura autoriale da parte della Rosselli.

Biografia autore

Silvia De March, Università degli Studi di Padova

Dipartimento di Italianistica

##submission.downloads##

Pubblicato

2012-12-23

Come citare

De March, S. (2012). Voci di creature incatenate. Amelia Rosselli ascolta Ingeborg Bachmann. ENTHYMEMA, (7), 173–182. https://doi.org/10.13130/2037-2426/2678

Fascicolo

Sezione

Saggi