Rotte per muoversi dietro il paesaggio. Su due raccolte di Giulio Iacoli e Marina Guglielmi

Autori

  • Daniele Borghi

DOI:

https://doi.org/10.13130/2037-2426/3614

Parole chiave:

Iacoli, Guglielmi, paesaggio, mappa, sguardo, critica

Abstract

Recensiamo qui due raccolte di saggi: Giulio Iacoli (a cura di), Discipline del paesaggio. Milano- Udine: Mimesis, 2012, pp. 239; Marina Guglielmi e Giulio Iacoli (a cura di), Piani sul mondo. Le mappe nell’immaginazione letteraria. Macerata: Quodlibet, 2012, pp. 197. Usciti a poca distanza l’uno dall’altro, entrambi i volumi intendono operare una ricognizione complessiva delle riflessioni teoriche intorno al paesaggio e alla sua rappresentazione, proponendo un approccio inter- e transdisciplinare. 

Riferimenti bibliografici

Calvino, Italo. Le città invisibili. Torino: Einaudi, 1972. Stampa.

---. Collezione di sabbia. Milano: Mondadori, 1990. Stampa.

Pellizzi, Federico. “Riflessioni sulla mappa.” Argo II. 4 (Inverno 2001): 8-12. Stampa.

Regazzoli, Flavio. “Il dialogo tra Zanzotto e il paesaggio.” Quaderni della Ginestra 5 (2012) 38-43. Web. 10 novembre 2013. <http://issuu.com/quadernidellaginestra/docs/quaderni>.

Turri, Enrico. Il paesaggio come teatro. Venezia: Marsilio, 1998. Stampa.

##submission.downloads##

Pubblicato

2013-12-24

Come citare

Borghi, D. (2013). Rotte per muoversi dietro il paesaggio. Su due raccolte di Giulio Iacoli e Marina Guglielmi. ENTHYMEMA, (9), 434–442. https://doi.org/10.13130/2037-2426/3614

Fascicolo

Sezione

Recensioni