Saggi

Cibo e scrittura nei romanzi di Stefano Benni

Francesca Nava

Abstract


Nella sua carriera ormai quarantennale, Stefano Benni ha pubblicato un gran numero di testi tra loro profondamente differenti: essi risultano difficilmente analizzabili per la complessità che li caratterizza, non tanto qualitativa quanto più quantitativa poiché incentrata sul meccanismo retorico dell’adiectio. Pare dunque utile affrontare i testi dell’autore adottando una prospettiva di tipo intertestuale, che trova la sua massima manifestazione concreta nella frequente reiterazione della tematica del cibo. Partendo da questo presupposto, è possibile intraprendere un’analisi testuale dei romanzi, incentrata sull’aspetto stilistico e organizzata in prospettiva funzionalista che permetta di comprendere i diversi usi che vengono fatti del cibo all’interno delle opere dell’autore: spunto creativo per la fantasia dell’autore, indicatore sociale, elemento metaforico, strumento per definire le caratteristiche dei personaggi.

 In his nearly forty-year-career, Stefano Benni published a large number of works, each of which is deeply different from one another: all of them are hardly analyzable for their complexity not so much from a quality as from a quantity point of view, because his whole framework is based on the rhetorical device of adiectio. Therefore, it is very useful to analyze the author's works with an intertextual perspective, whose peak is represented by the food theme. Starting from this assumption, it is possible to undertake a textual analysis of his novels, both focused on stylistic features and organized according to a functional standpoint which allows to understand the different uses of the food in the author’s novels: a hint for the author’s imagination, a social pointer, a metaphor, a frame to the characters’ qualities.

 


Full Text

PDF


DOI: https://doi.org/10.13130/2037-2426/4826

NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aunimi-14564

Riferimenti bibliografici


Bachtin, Michail. L’opera di Rabelais e la cultura popolare (1965), trad. Mili Romano, Torino: Einaudi, 1979. Stampa.

Benni, Stefano. Achille piè veloce (2003), Milano: Feltrinelli, 2005. Stampa.

---. Baol. Una tranquilla notte di regime (1990), Milano: Feltrinelli, 1998. Stampa.

---. Comici spaventati guerrieri (1986), Milano: Feltrinelli, 1993. Stampa.

---. Di tutte le ricchezze (2012), Milano: Feltrinelli, 2014. Stampa.

---. Elianto (1996), Milano: Feltrinelli, 2013. Stampa.

---. La compagnia dei Celestini (1992), Milano, Feltrinelli, 2007. Stampa.

---. Leggere, scrivere, disobbedire. Conversazione con Goffredo Fofi, Roma: Minimum Fax, 1999. Stampa.

---. Margherita Dolcevita (2005), Milano, Feltrinelli, 2005. Stampa.

---. Pane e tempesta (2009), Milano, Feltrinelli, 2011. Stampa.

---. Saltatempo (2001), Milano, Feltrinelli, 2012. Stampa.

---. Spiriti (2000), Milano, Feltrinelli, 2002. Stampa.

---. Terra! (1983), Milano, Feltrinelli, 1987. Stampa.

Cappellini, Milva Maria. Stefano Benni, Fiesole: Cadmo, 2008. Stampa.

Centis, Aldo. “Il vanto di avere una cultura meticcia”, Millelibri. 64 (maggio 1993): 92-96. Stampa.

Fini, Marco. “Un comico manifesto”, Epoca. 1967 (19 giugno 1988): 60-61. Stampa.

Lansolt, Inge. “Grammatica benniana: il mondo al femminile / maschile”, Narrativa. 30 (2008): 311-322. Stampa. Nuova serie.

Perissinotto, Cristina. “Di vicitori, di vinti e d’idee. Fanciulli e filosofia nei romanzi di Stefano Benni”, Romance Lenguages, Annual. IX (1998): 300-304. Stampa.

Pischedda, Bruno. “La fantasia ingorda di Stefano Benni”, Pubblico (1986): 135-152. Stampa.

Rosati, Alessandro. “Le grandi piroette del comico guerriero”, in L’informatore librario. 4 (aprile 1991): 102-105. Stampa.


Metriche dell'articolo

Caricamento metriche ...

Metrics powered by PLOS ALM

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.







ISSN 2037-2426

Enthymema è una rivista italiana di Classe A per l'area 10, indicizzata in Scopus e Web of Science.

Creative Commons License

Except where otherwise noted, the content of this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 Unported License.

Logo by Mauro Sullam