Nietzsche e la morfologia. Nietzsche and Morphology

  • Andrea Bocchetti Università degli studi di Napoli "Federico II"

Abstract

L’influenza che il pensiero di Goethe scienziato e della morfologia hanno avuto nella formazione della riflessione nietzschiana costituisce un capitolo fondamentale per ricostruire la genesi di alcuni dei suoi concetti più rilevanti. Tale influenza, infatti, permette di ricostruire le origini delle suggestioni da cui il giovane Nietzsche si è mosso, approfondite successivamente attraverso le novità apportate dalla biologia a lui contemporanea; sfruttando  il terreno fertile della riflessione goethiana, essa ebbe modo di compiersi nella formulazione del concetto di vita come volontà di potenza: quest’ultimo perfeziona, trascrivendoli, tutti gli elementi della riflessione goethiana sul vivente: forma, metamorfosi, divenire, entità vivente, individuo-plurale.

Goethe’s thought as a scientist and Morphology have had a pivotal influence on Nietzsche’s thinking. Indeed they are necessary chapters to go through in order to understand how some of the key points of his thought have developed. Understanding how these factors are tangled to Nietzsche's speculation allows to rebuild the origin of suggestions from which the young Nietzsche moved from to examine the new impulses brought by biology. Moreover, it is remarkable to notice that the concept of Life as Will to Power sprout up right from these ideas. In particular, Nietzsche's Will to Power accomplished all the elements present in Goethe's considerations on living: Form, Metamorphosis, Becoming, living entity, plural-Individual.

Biografia autore

Andrea Bocchetti, Università degli studi di Napoli "Federico II"
Dottore di ricerca presso l'Université Paris-Sorbonne. Chargé de cours presso l'Institut Catholique de Paris, insegnamento "Philosophie de l'histoire". Cultore della materia e collaboratore presso la cattedra di Storia della Filosofia moderna, Università degli studi di Napoli "Federico II".

Riferimenti bibliografici

P. Giacomoni, Le forme e il vivente, Guida, Napoli, 1993

J.W. von Goethe, La metamorfosi delle piante e altri scritti sulla scienza della natura, trad. it. di B. Groff, B. Maffi, S. Zecchi, Guanda, Parma, 1983.

J.W. von Goethe, Per una morfologia come scienza autonoma, in Per una scienza del vivente, Scritti scientifici: Morfologia III, a cura di Emilio Ferrario, Il Capitello del sole, Bologna, 2009.

J.W. von Goethe, Quaderni di morfologia, in Gli scritti scientifici, Morfologia I: Botanica, Il ca-pitello del Sole, Bologna, 1996.

M. Henry, Quatre principes de la phénoménologie, in Phénoménologie de la vie I, PUF, Paris, 2003, p. 77.

J.F. Herbart, Hauptpunkte der Metaphysik [1806], in Id., Sämtliche Werke. In chronolo-gischer Reihenfolge, hrsg. von K. Kehrbach, Bd. 2, Langensalza, Hermann Beyer & Söhne, 1887.

F.A. Lange, Storia critica del materialismo, Monanni, Milano, 1932

F. Nietzsche, Opere complete di F. Nietzsche, a cura di G. Colli e M. Montinari, Adelphi, Mi-lano, 1973.

F.C. Papparo, Tra Wort e Gleichnis e What’s in a name?, in Qualcosa del corpo. Nietzsche e la scena dell’anima, ETS, Pisa, 2016.

B. Spinoza, Etica, UTET, Torno, 1997.

B. Stiegler, Nietzsche e la biologia, Negretto, Mantova, 2010

W. Troll, Gestalt und Urbild, Halle/Saale, 1942, in J. W. von Goethe, in Per una scienza del vivente, Scritti scientifici: Morfologia III, a cura di Emilio Ferrario, Il Capitello del sole, Bologna, 2009.

Pubblicato
2016-12-28
Fascicolo
Sezione
Saggi