Cosa fa vivere gli uomini? di Lev Tolstoj. Anatomia di un successo

Autori

  • Damiano Rebecchini Università degli Studi di Milano

DOI:

https://doi.org/10.13130/2037-2426/778

Parole chiave:

Lev Tolstoj, racconto popolare, storia della lettura in Russia, teoria della risposta estetica, Oralità, scrittura e lettura

Abstract

In questo studio ricostruiamo la storia di un racconto poco noto di Lev Tolstoj, Che cosa fa vivere gli uomini? (1881). In quest’opera Tolstoj volle rappresentare alcuni elementi chiave della sua nuova visione etico-religiosa maturata nel corso degli anni ’70 dell’Ottocento. Lo scrittore, inoltre, si impegnò nel distribuirla tra i ceti popolari urbani e nelle campagne e, grazie ad un’efficace opera di diffusione, l’opera fu letta da milioni di lettori popolari. Nell’articolo analizziamo da una parte le strategie narrative ed editoriali messe in gioco da Tolstoj nel suo racconto per conquistare i nuovi lettori; dall’altra, le tattiche di appropriazione, di adattamento e di trasformazione del testo tolstoiano da parte dei suoi lettori popolari.

##submission.downloads##

Pubblicato

2010-12-22

Come citare

Rebecchini, D. (2010). Cosa fa vivere gli uomini? di Lev Tolstoj. Anatomia di un successo. ENTHYMEMA, (2), 294–319. https://doi.org/10.13130/2037-2426/778

Fascicolo

Sezione

Centenario di Lev Tolstoj