Articoli

Penia da Aristofane alla scena contemporanea. La forza drammatica di un personaggio anti-comico.

Stefano Caciagli, Andrea Capra, Maddalena Giovannelli, Mario Regali

Abstract


Fugace comparsa nei versi di Alceo e Teognide e, più tardi, in un episodio erodoteo, la personificazione di Povertà diviene personaggio a tutto tondo solo nel Pluto di Aristofane. Polo antitetico a quello intorno a cui muove il nucleo ideale della commedia – la diffusione egualitaria delle ricchezze – Penia risulta però particolarmente efficace dal punto di vista drammatico, ed è descritta con inedita dovizia di dettagli: livida, gialla e paurosa, come lo stato che rappresenta, ma straordinariamente eloquente, Povertà riuscirà a mettere in dubbio l’intrinseca bontà del progetto comico persino di fronte a coloro che ne sono stati i principali fautori.
A interessare gli eruditi antichi e gli studiosi di oggi è in particolare il paragone, proposto dal personaggio Blespidemo, tra Penia e “un’Erinni da tragedia” (v.423): Aristofane mette dunque in atto – come indicano già gli scoli – una parodia delle Eumenidi di Eschilo? Non è certo privo di rilevanza il gioco di rispecchiamento tra i due generi: Povertà ha uno sguardo “tragico e folle” (v. 424) e parla in uno stile elevato e ricco di citazioni (di cui già Tzetzes rintraccia la matrice euripidea). Ma più che a una puntuale lettura paratragica, si deve pensare – così suggerisce, per esempio, Sommerstein – alla riproposizione in chiave comica di un fortunato cliché tragico, che ha il suo archetipo nella antica tragedia eschilea (458 a. C.) ma che doveva essere ben noto, per successive riprese, anche agli spettatori del Pluto (388 a.C.). Penia rappresenta dunque un personaggio mostruoso, tragico, serio, e del tutto incompatibile con il mondo della commedia: per questo motivo sarà bruscamente scacciata dal protagonista.
Una ulteriore riprova della forza drammatica di Penia è la sua fortuna negli allestimenti contemporanei: contrariamente a quello che accade ad altri disturbatori, eliminati o fortemente rivisti nelle diverse riletture registiche, Povertà non manca mai in scena e diviene non di rado un personaggio chiave (così nell’allestimento di Massimo Popolizio), specialmente nelle messinscene poco orientate al disimpegno, che marcano zone d’ombra e inquietudini del testo aristofaneo.
Al di fuori della commedia, la personificazione di Povertà farà la sua comparsa in Teocrito, Plutarco, Luciano e Alcifrone; ma il caso più interessante è senza dubbio rappresentato dal Simposio di Platone, opera che viene composta, probabilmente, pochi anni dopo la rappresentazione del Pluto. Penia si accompagna qui non a Pluto ma a Poros; e la raffinatezza del filosofo nel coniugare l’astratto della personificazione e il concreto del personaggio non può che far pensare al modello aristofaneo e alla commedia antica.


Full Text

PDF


DOI: https://doi.org/10.13130/2532-6805/8675

NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aunimi-21401

Riferimenti bibliografici


Bibliografia

Albini, U. (1991) Nel nome di Dioniso: vita teatrale nell’Atene classica, Milano: Garzanti.

Capitta, G. (2009) Un’amara risata che ci sommergerà, in “il Manifesto” 22 febbraio 2009.

Capra, A. (2007) Stratagemmi comici da Aristofane a Platone. I: Il satiro ironico (Simposio, Nuvole e altro), Stratagemmi 2, 2007, 7-48.

Cantarella, R. (1965) Aristoph. Plut. 422-425 e le riprese eschilee, RAL 20, 368-381, ora in Cantarella, R. (1970) Scritti minori sul teatro greco, Brescia: Paideia, 227-248.

Compton Engle, G. (2015) Costume in the Comedies of Aristophanes, Cambridge: Cambridge University Press.

Flashar, H. (1967) Zur Eigenart des Aristophanischen Spätwerks, Poetica 1, 154-175.

Gelzer, T. (1960) Der epirrhematische Agon bei Aristophanes. Untersuchungen zur Struktur der attischen alten Komödie, München: Beck.

Groton, A.H. (1990) Wreaths and Rags in Aristophanes’ Plutus, CJ 86, 16-22.

Heberlein, F.H. (1980) Pluthygieia. Zur Gegenwelt bei Aristophanes, Frankfurt am Main: Haag und Herchen.

Imperio, O. (2004) Parabasi di Aristofane. Acarnesi, Cavalieri, Vespe, Uccelli, Bari: Adriatica.

Ead. (2012) Personificazioni dell’arte poetica e metafore parentali: la maternità letteraria tra commedia e filosofia, in G. Moretti &

A. Bonandini [edd.] Persona ficta. La personificazione allegorica fra letteratura, retorica e iconografia, Trento: Università degli Studi di Trento, 29-51.

Konstan, D. & Dillon, M. (1981) The Ideology of Aristophanes’ Wealth, AJP 102, 371-394.

MacDowell, D.M. (1995) Aristophanes and Athens. An Introduction to the Plays, Oxford: Oxford University Press.

Mastromarco, G. (1987) La parabasi aristofanea tra realtà e poesia, Dioniso 57, 75-93.

McGlew, J. (1997) After Irony: Aristophanes’Wealth and Its Modern Interpreters, AJP 118, 35-53.

Newiger, J. (1957) Metapher und Allegorie. Studien zu Aristophanes, München: Beck.

Olson, S.D. (1990) Economics and Ideology in Aristophanes’ Wealth, HSPh 93, 223-242.

Paxson, J.J. (1994) The Poetics of Personification, Cambridge: Cambridge University Press.

Reckford, K.J. (1987) Aristophanes’ Old and New Comedy, Chapel Hill: University of North Carolina Press.

Ricci/Forte (2009), Ploutos o della ricchezza (uno spettacolo di Massimo Popolizio), Roma: Voland Edizioni.

Sfyroeras, P. (1995) What Wealth Has to Do with Dionysus: Economy and Poetics in Aristophanes’ Plutus, GRBS 36, 231-261.

Sommerstein, A.-H. (1984) Aristophanes and the Demon Poverty, CQ 34 (2), 314-333.

Sommerstein, A.-H. (ed.) (2001) Wealth, Warminster: Aris & Phillips.

Torchio, M.C. (ed.) (2001) Aristofane. Pluto, Alessandria: Edizioni dell’Orso.

Treu, M. (2009) Il gioco della ricchezza e della povertà. Aristofane in Senegal, Stratagemmi 7, 155-163.

Tsitsiridis, S. (1998) Platons Menexenos : Einleitung, Text und Kommentar, Stuttgart-Leipzig: B.G. Teubner.

Whitman, J. (1987) Allegory: the Dynamics of an Ancient and Medieval Technique, Cambridge: Harvard University Press.

Zimmermann, B. (2012) Le personificazioni nella commedia greca del V secolo a.C., in G. Moretti & A. Bonandini [edd.] Persona

ficta. La personificazione allegorica fra letteratura, retorica e iconografia, Trento: Università degli Studi di Trento, 15-28.

Giovannelli, M. (2009) Ploutos o della ricchezza. Aristofane alla periferia di Roma, Stratagemmi 9, 133-160.

Parsons, P.J. (2012) From Alcidamas, Praise of Poverty, in R.-L. Chang, W.B. Henry, P.J. Parsons & A. Benaissa [edd.], The Oxyrhynchus Papyri 5130, LXXVIII, London: The Egypt Exploration Society, 12-19.

Russo, C.F (1984) Aristofane autore di teatro, Firenze: Sansoni.

Stone, L.M. (1981) Costume in Aristophanic Comedy, New York: Ayer Company.

van Wees, H. (2009) The Economy, in K.A. Raaflaub & H. van Wees [edd.], A Companion to Archaic Greece, Malden (MA): Blackwell Publishing, 444-467.

Voigt, F.A. (1937) Penia, in Paulys Realencyclopädie der classischen Altertumswissenschaft, vol. XIX t. I (Pech–Petronius), Stuttgart: Metzler Verlag, 495-497.

Teatrografia

Conte, T. (2000) Uccelli, traduzione di G. Ieranò, Genova: Diga Foranea del Porto.

Gonzales, M. (1982) Pluto, traduzione di M. Gonzales, Milano: CRT.

Martinelli, M. (1996) All’Inferno! Affresco da Aristofane, drammaturgia di M. Martinelli, Bari: Kismet.

N’Diaye. M. (2008) Il gioco della ricchezza e della povertà, drammaturgia di M. N’Diaye, Milano: Teatro LaCucina.

Popolizio, M. (2009) Pluto, riscrittura di G. Forti & S. Ricci, Roma: Teatro Tor Bella Monaca.

Roncaglia, C. (2011) Pluto, riscrittura di E. Poddi, Torino: Teatro Cavallerizza Reale.


Metriche dell'articolo

Caricamento metriche ...

Metrics powered by PLOS ALM

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


ISSN: 2532-6805

ISBN: 9791220021111
ISBN-A: 10.979.12200/21111

Published by:
Università degli Studi di Milano,
Via Festa del Perdono 7, 20122 Milano, Italy