Saggi

Il tempo nella poetica di Ligeti: dalla musica misurata alla musica statica

Federica Mandaliti

Abstract


Abstract

Il rapporto tra tempo e musica è stato da sempre al centro di riflessioni estetiche e filosofiche: oggetto di indagine ad opera di pensatori, teorici e compositori, ha condotto a differenti formulazioni, senza mai approdare ad una definizione univoca. Il presente lavoro si prefigge di offrire un ventaglio delle principali speculazioni di pensiero nate a riguardo, soffermandosi in particolar modo su quella del compositore ungherese György Ligeti. Dalla concezione del tempo "misurato" , caratterizzato da linearità e legato ancora alla tradizione, giungeremo, attraverso la breve parentesi dell’esperienza della musica elettronica e l’influenza esercitata dal pensiero di Adorno, all’idea di musica statica, in cui si assiste ad un tentativo di ingabbiamento del flusso del tempo.

 

 

Parole chiave

Concezione del tempo, Ritmo struttura e percezione, Ligeti, Musica misurata, Concezione della forma, Metamorfosi della forma musicale, Musica ricercata, Musica elettronica, Musica statica, Concezione del tempo in Adorno, Tempo spazializzato, Atmosphères


Full Text

PDF


DOI: https://doi.org/10.13130/2465-0137/6623

Metriche dell'articolo

Caricamento metriche ...

Metrics powered by PLOS ALM

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.