Il fantasma del traduttore nella stampa cinese: alcune riflessioni sulla traduzione istituzionale

Autori

  • Bettina Mottura Università degli Studi di Milano

DOI:

https://doi.org/10.13130/2035-7680/10113

Parole chiave:

Chinese language, discourse power, institutional translation, recontextualization, Renmin ribao

Abstract

Institutional translation is a well established practice in the Chinese press. Although lacking in individual visibility, translators in these contexts are key mediators for the creation of an authoritative information flow at the global level. Through a corpus of journalistic texts published in 2017 by Renmin ribao online in three different languages (Chinese, French and English), this paper focuses on the interaction between the mechanism of recontextualisation of a political event in news production and the practice of translation. The aim is to discuss the effectiveness of the products of institutional translation in promoting a positive image of the country and in strengthening the legitimacy of Chinese national political institutions worldwide.

 

Biografia autore

Bettina Mottura, Università degli Studi di Milano

Bettina Mottura è professore associato di lingua e cultura cinese e coordinatore scientifico del Contemporary Asia Research Centre dell’Università degli Studi di Milano, studia il linguaggio delle istituzioni politiche e dei media nella Repubblica popolare cinese. Si occupa inoltre di cultura cinese contemporanea e ha pubblicato nel 2016 con A.C. Lavagnino il libro Cina e modernità. Cultura e istituzioni dalle Guerre dell'oppio ad oggi, edito da Carocci.

 

##submission.downloads##

Pubblicato

2018-05-26

Come citare

Mottura, Bettina. 2018. «Il Fantasma Del Traduttore Nella Stampa Cinese: Alcune Riflessioni Sulla Traduzione Istituzionale». Altre Modernità, n. 19 (maggio):144-58. https://doi.org/10.13130/2035-7680/10113.

Fascicolo

Sezione

Saggi Ensayos Essais Essays