Poderes de la tecnología postelevisiva en la escritura contemporánea: zapping, transformismo y mutación en Caracteres Blancos, de Carlos Labbé

  • Giuseppe Gatti
Parole chiave: Carlos Labbé, Caracteres blancos, narrativa cilena contemporanea, zapping letterario, racconti intercalati

Abstract

L'obiettivo del presente studio consiste nell'analisi di Caractéres blancos, un testo ‘di frontiera’ dello scrittore cileno Carlos Labbé, con il proposito di porre in evidenza le forme attraverso cui la letteratura contemporanea si appropia di certe modalità di ‘transizione rapida’ che sono propie della teconologia (a partire dal cambio di canale televisivo) e le adatta alla propria essenza. Nello studio di tale interazione tra l'attività di scrittura e la pratica tecnologica si considera il gesto del ‘cambiare di canale’ nella sua più amplia accezione (entrare in e uscire da un certo spazio virtuale; avere accesso a scambi più o meno fugaci con individui lontani geograficamente; modificare in modo instantaneo gli scenari e i contenuti che appaiono sullo schermo, ecc.). Trasferire al campo letterario tale coacervo di esercizi tecnologici produce un risultato fondamentale per il nostro tipo di approccio: la dimostrazione empirica del fatto che nella nuestra epoca certe forme di scrittura sono capaci di generare una sorta di letteraturizzazione del zapping televisivo, che si riflette in particolare nei cinque punti seguenti: a) cambi di genere letterari all'interno della stessa opera; b) mutazione delle voci del testo; c) sostituzione improvvisa degli scenari di rappresentazione della storia; d) inversione del genero sessuale dei protagonisti; e) scomposizione dell'ordine lineare del tempo.

Pubblicato
2020-05-28