Skip to main navigation menu Skip to main content Skip to site footer

No. 2Feminisms

Published March 26, 2021

Issue description

Patrizia Pozzi, filosofa, docente e attivista per la pace, è morta all'inizio di quest'anno. Scrivendo della malattia che dal 2017 l'aveva progressivamente paralizzata, diceva:  "L'immobilità è la peggior punizione". Chi l'ha conosciuta dedita a occuparsi con generosità degli altri, che fossero amici, colleghi, studenti o sopravvissuti alla deportazione durante la Seconda Guerra Mondiale, stenta a credere che quell'energia si sia esaurita. Balthazar, grazie all'aiuto prezioso della figlia Susanna, ha già pubblicato testimonianze di donne deportate raccolte da Patrizia negli anni e continuerà a far circolare le idee e le parole che hanno guidato la vita della nostra amica.