Umberto Eco onomaturgo (Spogli parziali dai «Diari minimi»)

Contenuto principale dell'articolo

Alfonso D'Agostino

Abstract

Nel XX secolo letterario Umberto Eco è tra i piú fecondi inventori di parole, quasi sempre giocose, soprattutto nei suoi brillanti pastiches letterarî. In questo studio, che si limita a esaminare i due Diari minimi di Eco, si descrivono alcune strategie linguistiche e strutturali e si studiano alcune parole nuove nella loro genesi e nella loro composizione.

Dettagli dell'articolo

Sezione
Varietà, note e discussioni
Biografia autore

Alfonso D'Agostino, Università degli Studi di Milano

ALFONSO D’AGOSTINO è stato, dal 30 di ottobre del 1986 al 28 di febbraio del 2019, ordinario di Filologia romanza nell’Università degli Studi di Milano, dove ha insegnato per molti anni anche Filologia italiana. È membro effettivo del- l’Istituto Lombardo, Accademia di Scienze e Lettere. Ha scritto varî libri e molti saggi, dedicati a diversi aspetti della disciplina (letterature romanze, linguistica, ecdotica). S’è occupato di prosa, epica, lirica, teatro. Tra i suoi ultimi titoli: Gli antenati di Faust: il patto col demonio nella letteratura medievale, Milano-Udine, 2016, Istorietta troiana con le Eroidi gaddiane glossate (con L. Barbieri), Milano, 2017. Attende, con Ilaria Tufano, a un nuovo commento del Decameron. Ha inoltre in progetto l’edizione del “ramo italico” del Libro dei sette savî di Roma, una nuova edizione critica del Cantar de Mio Cid e l’aggiornamento del suo manuale di filologia testuale.

Puoi leggere altri articoli dello stesso autore/i

1 2 > >>