Tra letteratura e dispositivo museale: sulle tracce delle collezioni nella narrativa contemporanea

Autori

  • Corinne Pontillo Università degli Studi di Catania

DOI:

https://doi.org/10.54103/2037-2426/16478

Parole chiave:

Letteratura, Collezione, Museo, Oggetti, Narrazione

Abstract

Tra le forme di ibridazione che caratterizzano la scrittura letteraria del Novecento, la rappresentazione del museo nei testi narrativi dà luogo a diverse declinazioni tematiche e retoriche, e si presta dunque ad essere analizzata attraverso molteplici prospettive ermeneutiche. Configurandosi come spazio di ambientazione del plot, o di trasfigurazione in chiave letteraria di musei reali, oppure ancora come raccolta sistematica di oggetti, di collezioni che assumono talvolta una valenza metatestuale, il dispositivo museale interagisce con la scrittura narrativa e delinea un campo d’indagine ancora poco esplorato dagli studi critici. Prendendo avvio da tali premesse, il contributo intende proporre la lettura di alcune occorrenze contemporanee del tema, sia italiane che straniere, in particolare nei testi La casa della vita (1958) di Mario Praz, Il museo dell’innocenza (2008) di Orhan Pamuk e, a guidare le riflessioni finali, Non luogo a procedere (2015) di Claudio Magris.

Riferimenti bibliografici

Ago, Fabrizio. Musei citati. L’idea di museo nella letteratura contemporanea. Felici, 2009.

Baudrillard, Jean. Il sistema degli oggetti [1968]. Bompiani, 2014 (edizione Kindle).

Benjamin, Walter. I «passages» di Parigi [1982], a cura di Rolf Tiedemann, ed. italiana a cura di Enrico Ganni, Einaudi, 2010.

Cane, Andrea. Mario Praz critico e scrittore. Adriatica, 1983.

Cattaneo, Arturo. Il trionfo della memoria. La Casa della vita di Mario Praz. Vita e Pensiero, 2003.

Cimoli, Anna Chiara. “Esporre un romanzo. Il Museo dell’innocenza di Istanbul”. Studi culturali, IX, n. 3, 2012, pp. 419-32.

Cometa, Michele. Cultura visuale. Raffaello Cortina, 2020.

—. “Letteratura e arti figurative: un catalogo”. Contemporanea, n. 3, 2005, pp. 15-29.

—. La scrittura delle immagini. Letteratura e cultura visuale. Raffaello Cortina, 2012.

D’Alconzo, Paola. “Suggestioni letterarie per una nuova museologia: Orhan Pamuk e il Museo dell’innocenza”. Storia dell’arte come impegno civile, a cura di Angela Cipriani, Valter Curzi e Paola Picardi, Campisano, 2014, pp. 63-71.

Dalmas, Davide. Il saggio, il gusto e il cliché. Per un’interpretazione di Mario Praz. duepunti, 2012.

De Benedictis, Cristina. Per la storia del collezionismo italiano. Fonti e documenti. Ponte alle Grazie, 2010.

Fusillo, Massimo. Feticci. Letteratura, cinema, arti visive. il Mulino, 2012.

Hamon, Philippe. “Le musée et le texte”. Revue d’histoire littéraire de la France, n. 1, 1993, pp. 3-12.

Lombardi, Laura, e Massimiliano Rossi, a cura di. Un sogno fatto a Milano. Dialoghi con Orhan Pamuk intorno alla poetica del museo. Johan & Levi, 2018.

Magris, Claudio. Non luogo a procedere. Garzanti, 2015 (edizione Kindle).

—. “Auschwitz a Trieste”. Corriere della Sera – Sette, 9 ottobre 2015, pp. 34-39.

Pamuk, Orhan. Altri colori. Vita, arte, libri e città. 2007. Trad. it. di Giampiero Bellingeri e Şemsa Gezgin. Einaudi, 2010 (edizione Kindle).

—. “Collezionismo e pratiche radicali tra letteratura e materialità”. Un sogno fatto a Milano. Dialoghi con Orhan Pamuk intorno alla poetica del museo, a cura di Laura Lombardi e Massimiliano Rossi, Johan & Levi, 2018, pp. 163-83.

—. L’innocenza degli oggetti, trad. it. di Barbara La Rosa Salim. Einaudi, 2012.

—. Il museo dell’innocenza. 2008. Trad. it. di Barbara La Rosa Salim. Einaudi, 2011.

—. “Piccoli musei”. Un sogno fatto a Milano. Dialoghi con Orhan Pamuk intorno alla poetica del museo, a cura di Laura Lombardi e Massimiliano Rossi, Johan & Levi, 2018, pp. 31-41.

Patey, Caroline, and Laura Scuriatti (eds). The Exhibit in the Text. The Museological Practices of Literature. Peter Lang, 2009.

Pezzini, Isabella. “Istanbul, il Museo dell’innocenza”. Letteratura e museo. Semiotica dei nuovi musei. Laterza, 2011, pp. 130-47.

Pinotti, Andrea, e Antonio Somaini. Cultura visuale. Immagini sguardi media dispositivi. Einaudi, 2016.

Pontillo, Corinne. “La realtà della finzione negli ‘oggetti innocenti’ di Orhan Pamuk”. Finzioni. Verità, bugie, mondi possibili, Atti del Convegno COMPALIT (Catania, 13-15 di-cembre 2018), a cura di Maria Rizzarelli, Massimo Schilirò, Attilio Scuderi, Between, IX, n. 18, 2019.

Praz, Mario. La casa della vita. 1958. Adelphi, 1995.

Rizzi, Alessandra. “Mario Praz: le ragioni di un collezionismo”. Saggi e memorie di storia dell’arte, vol. 26, 2002, pp. 517-57.

Salvadori, Diego. “«Quel pezzetto di ippocampo è qualcosa che manca»: scritture sul corpo in Non luogo a procedere di Claudio Magris”. Comparatismi, n. 4, 2019, pp. 45-63.

Scuriatti, Laura. “The Collection as Autobiography as Collection: Mario Praz’s House of Life.” The Exhibit in the Text. The Museological Practices of Literature, edited by Caroline Patey and Laura Scuriatti, Peter Lang, 2009, pp. 105-24.

Trione, Vincenzo. L’opera interminabile. Arte e XXI secolo. Einaudi, 2019.

##submission.downloads##

Pubblicato

2022-07-15

Come citare

Pontillo, C. (2022). Tra letteratura e dispositivo museale: sulle tracce delle collezioni nella narrativa contemporanea. ENTHYMEMA, (29), 74–85. https://doi.org/10.54103/2037-2426/16478

Fascicolo

Sezione

Saggi