Trasmigrazioni: cultura materiale e sviluppo dell'identità. Alcune riflessioni sulla produzione di San Vincenzo al Volturno

Autori

DOI:

https://doi.org/10.54103/fenestella/16778

Parole chiave:

material culture, San Vincenzo al Volturno, identity, neuroesthetics, Early Medieval Painting, Ornamental patterns, Spazio liturgico

Abstract

The text analyzes the ornamental culture of the monastery of San Vincenzo al Volturno, through the comparison between different classes of materials. Through the analogies between the ornamental motifs, we tried to reconstruct their creative process, on a perceptual basis. The study, in fact, focuses on the relationship between the individual and the environment, exploiting the theories of Gibson, applying them to a particular context such as monasteries.

The goal is to demonstrate how the continuous use of space determines the acquisition of visual information, which, stored in memory, is re-proposed during the creative process. Especially, it is the daily journey of the rooms that guarantees the memorization of the signs and, at the same time, their updating, through the change of perspective that occurs with movement. In the last part, we discuss the perceptive effects of the aniconic paintings in the crypt of Joshua.

Riferimenti bibliografici

Abate N., I manufatti metallici. Un catalogo ragionato, in A.Luciano, F.Marazzi (eds), Iuxta Flumen Vulturnum, Cerro al Volturno 2015: 145-170.

Abate N., schede VIII-7, VIII-10, VIII-11, in G.P.Brogiolo, C.Giostra, F.Marazzi (eds), Longobardi. Un popolo che cambia la storia, catalogo della mostra (Pavia, Napoli, San Pietroburgo 1 settembre 2017-15 luglio 2018) Milano 2017: 143-145.

Arnheim R., Arte e percezione visiva, Milano 2019.

Bashet J., L’iconografia medievale, Milano 2014.

Catalano L., La produzione scultorea medievale nell’abbazia di San Vincenzo al Volturno.Studio preliminare per la restituzione dell’arredo della chiesa del San Vincenzo Maggiore, Roma 2008.

Changeux J.P., Neuroscienze della bellezza, Città del Castello 2020.

Cuomo M., Marazzi F., La chiesa di San Vincenzo Maggiore o basilica maior, in G.Bertelli, M.Mignozzi (eds), Studi sulla pittura beneventana. Aggiornamento scientifico, Bari 2020: 62-78.

D’Angelo F., I reperti in vetro, in A.Luciano, F.Marazzi (eds), Iuxta Flumen Vulturnum, Cerro al Volturno 2015: 119-133.

D’Angelo F., Marazzi F., Il ciclo della produzione vetraria a San Vincenzo al Volturno nel IX secolo: riflessioni da una rilettura dei dati archeologici, in J.P. Brun (ed), Artisanats Antiques d’Italie et de Gaule. Mélanges offerts à maria francesca buonaiuto, Centre Jean Bérard 2009.

Gibson J., l’approccio ecologico alla percezione visiva, Milano 2014.

Gombrich E., Il Senso dell’ordine, Londra 2010.

Dell’Acqua F.,“…nisi daedalus…nisi beseleel secundus”. L’attività artistica presso il monastero di San Vincenzo al Volutrno in età carolingia, in F. De Rubeis, F.Marazzi (eds.), I monasteri in Europa occidentale (secoli VIII-IX): topografia e strutture, Roma 2008: 289-308.

Fiorentino A., Lamberto M., Arte e cervello, Bologna 2008.

Kanizsa G., Vedere è pensare, Bologna 1991.

Marazzi F., La città dei monaci. Storia degli spazi che avvicinano a Dio, Milano 2015.

Mitchell J., The display of script and the uses of painting in longobard Italy, in

Testo e immagine nell’alto medioevo, in Centro Italiano di Studi sull’Altomedioevo (ed) XLI Settimana di Studio (Spoleto 15-21 aprile 1993) Spoleto 1994: 887-954.

Hodges R., La Basilica di Giosuè a San Vincenzo al Volturno, Montecassino 1996

Spatial hierarchy and the uses of ornament in an early medieval monastery, in J.Ottaway (ed), Le rôle de l’ornament dans la peinture murale du moyen age, Acts du Colloque Interntional (Saint-Lizier 1-4 giugno 1995), Poitiers, 1997a: 35-55.

Hodges R., San Vincenzo Maggiore and its workshops, Roma 2011.

Piva P., Lo spazio liturgico: architettura, arredo, iconografia (secoli IV-XII), in P.Piva (ed.), L’arte medievale nel contesto (300-1300): funzioni, iconografia, tecniche, Milano 2006: 141-180.

Raimo P., La decorazione aniconica della cripta semianulare di Giosuè a San Vincenzo al Volturno, in V.Pace (ed.), L’VIII secolo: un secolo inquieto, Atti del Convegno Internazionale di Studi (Cividale del Friuli, 4-7 dicembre 2008), Cividale del Friuli 2008:185-193.

La Mantia S., Raimo P., La pittura in frammenti a San Vincenzo al Volturno tra simbolo e narrazione, in «Archeomolise» 16 (2013): 11-19.

Catalano L., Sassetti C, Un altare affrescato di tardo VIII secolo da San Vincenzo al Volturno: proposte di rilettura della ricomposizione del partito decorativo, in F.Marazzi (ed), Il Cammino di Carlo Magno, Napoli 2005: 221-238.

Sogliani F., Nuovi dati sull’arredo scultoreo altomedievale del monastero di San Vincenzo al Voltuno (IS), in R.Fiorillo, P.Peduto (eds), Atti del III Congresso di Archeologia Medievale (Salerno 2-5 ottobre 2003), Firenze 2003: 97- 102.

Virdis A., Functions and Context: The role of painting in the definition of the spaces in medieval art, in F.Pau, L.Vargiu (eds.) Followings Forms, Following Functions: Pratices and Disciplines in Dialogue, Cambridge 2018: 65-84.

San Vincenzo al Volturno, Basilica Maior, pattern ornamentali

##submission.downloads##

Pubblicato

2021-12-28

Fascicolo

Sezione

Articoli