Industria litica preistorica da un contesto stratificato etrusco-padano

Autori

  • Selene Busnelli

DOI:

https://doi.org/10.13130/2035-4797/13482

Parole chiave:

industria litica; Forcello di Bagnolo S. Vito; abitato etrusco; giacitura secondaria

Abstract

Il presente lavoro è incentrato sull’analisi dell’industria litica preistorica rinvenuta in giacitura secondaria nell’insediamento etrusco-padano del Forcello di Bagnolo S. Vito (MN). Nei circa trent’anni di campagne di scavo condotte dall’Università degli Studi di Milano sono venute alla luce tre asce in pietra levigata e 123 reperti in selce scheggiata, che comprendono lame, schegge, nuclei, scarti di lavorazione e strumenti. Si è cercato, dunque, di inquadrare cronologicamente ogni reperto attraverso un’attenta analisi tipologica e confronti puntuali con materiali analoghi provenienti da contesti stratigrafici certi, considerando in particolare i ritrovamenti finora noti nel comune di Bagnolo S. Vito e zone limitrofe. Si è, inoltre, cercato di comprendere le cause che hanno portato al recupero di reperti pre- e protostorici in un contesto di VI-IV secolo a.C. attraverso l’analisi e l’interpretazione delle unità stratigrafiche di rinvenimento.

Biografia autore

Selene Busnelli

Selene Busnelli, diplomata alla Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici in Archeologia pre- e protostorica presso l’Università degli Studi di Milano; collaboratore Dip.to di Beni Culturali e Ambientali - sezione di Archeologia, Università degli Studi di Milano, via Festa del Perdono, 7, I-20122. Attualmente archeologa libera professionista con interessi di ricerca dal Neolitico all’età del Bronzo in Italia settentrionale.

##submission.downloads##

Pubblicato

2020-05-19

Fascicolo

Sezione

Small Finds. Atti del Convegno di Studi (Università degli Studi di Milano)