Recensione: GIOVANNI MARGINESU, Il costo del Partenone. Appalti e affari dell’arte greca, Salerno Editrice, 2020

  • Domenico D'Aco
Parole chiave: economia; Acropoli; Partenone; Atene; Grecia; arte; mercato; costo

Abstract

Il saggio di Giovanni Marginesu segna una novità nella ricerca relativa all’economia dell’antica Grecia. L’autore fonde nel testo la storia dell’arte, i più recenti studi economici, le prospettive epigrafiche e le testimonianze degli scrittori antichi. Il libro sintetizza la storia dell’arte antica, dall’età arcaica fino alla caduta dell’Impero romano, con un occhio di riguardo alla fase classica. Il focus principale è infatti indirizzato verso Atene. Il cantiere dell’Acropoli nell’età di Pericle è fase paradigmatica e ricca di testimonianze. I costi e le quotazioni relative ai principali edifici sacri della rocca, al Partenone, alla statua della Parthenos e ai Propilei non restano semplici dati e cifre. L’indagine si amplia, infatti, ai retroscena dei rapporti tra committenti e artisti, all’importanza del mercato dell’arte nel mondo antico, alle dinamiche di impiego e tesaurizzazione dei fondi delle poleis nei complessi architettonici, statue e quadri, alle conseguenze della conquista romana della Grecia sulla percezione e sul valore dei capolavori dell’arte e dell’artigianato ellenici.

Biografia autore

Domenico D'Aco

Domenico D’Aco ha conseguito il dottorato in “Preistoria e Protostoria, Storia e Archeologia del mondo antico - Le culture delle province romane: interazioni euromediterranee. Storia, archeologia, religioni.” (2008-2011) presso l’Università di Siena. Si occupa in particolare di economia della Grecia in età romana e dell’Egitto in età romana.

Pubblicato
2020-07-07
Fascicolo
Sezione
LIBRI, MOSTRE, EVENTI