L’abitato etrusco del Forcello (Bagnolo S. Vito, MN)

Autori

  • Leonardo Lamanna Soprintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia

DOI:

https://doi.org/10.13130/2035-4797/4271

Parole chiave:

Forcello, abitato etrusco, Etruria Padana,

Abstract

Indagini archeologiche presso l’abitato etrusco del Forcello (Bagnolo San Vito, Mantova), condotte a partire dal 1983, hanno portato alla scoperta di strutture e piani d’uso pertinenti a nove fasi di frequentazione, datate tra 540 e 380-375 a.C. Questo articolo offre una panoramica dei ritrovamenti più recenti, quali i frammenti di ceramica attica provenienti dall’abitazione aristocratica detta “Casa dei Velna”, la cui decorazione è attribuibile al Pittore del Frutteto (Orchard Painter).

Biografia autore

Leonardo Lamanna, Soprintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia

Dopo una Laurea quadriennale in Giurisprudenza, una Laurea specialistica in archeologia conseguita presso l’Università degli Studi di Milano e un Master in Bioarcheologia all’Università di Bologna, nel 2014 ha ottenuto il diploma di Specializzazione in Beni Archeologici presso l’Unicersità degli Studi di Milano, con una tesi sulla Cultura di Golasecca. Dal 2006 partecipa alle campagne di scavo al Forcello di Bagnolo S. Vito (MN) e al Lavagnone di Desenzano del Garda (BS), condotte dalla Cattedra di Preistoria e Protostoria della stessa università. Dal 2010 è in servizio presso la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia come assistente alla fruizione, accoglienza e vigilanza.

##submission.downloads##

Pubblicato

2014-07-22

Fascicolo

Sezione

SCAVI e RICERCHE