Nascita e sviluppo del progetto

  • Monica Abbiati
  • Anna Maria Fedeli

Abstract

La presenza di un’importante stratificazione archeologica nella città di Milano è fatto noto da molto tempo e i cantieri che si sono succeduti, segnando la trasformazione urbanistica della città a partire dal secolo scorso, ne hanno dato ampia testimonianza, anche se spesso non accompagnata da adeguata valorizzazione. Le ricerche e gli studi hanno chiaramente individuato i capisaldi urbanistici di Mediolanum, sviluppatasi in vero e proprio centro urbano da un insediamento celtico, a partire dall’epoca augustea, quando furono eretti quegli edifici monumentali (il foro con i suoi annessi, il teatro, le mura, l’anfiteatro) necessari allo svolgimento della vita politica, religiosa, economica e sociale dell’epoca. Il panorama monumentale della città si arricchì ulteriormente alla fine del III secolo d.C. quando Mediolanum fu scelta da Massimiano quale sede imperiale, ruolo svolto fino agli inizi del V secolo d.C.: l’ampliamento delle mura, la costruzione del complesso palazzo imperiale – circo e l’edificazione di un imponente complesso termale (Fig. 2) – resero Milano uno delle più importanti città dell’impero romano d’Occidente.
Pubblicato
2015-06-11
Fascicolo
Sezione
Atti del Seminario interdisciplinare "Milano Archeologia per Expo 2015", Milano 21, 26-28 Novembre 2014