Uomini e "cocci": i contesti ceramologici del Quartiere Bizantino del Pythion in una prospettiva antropologica

Autori

  • Enrico Zanini University of Siena

DOI:

https://doi.org/10.13130/2035-4797/496

Parole chiave:

Gortina, Creta, Ceramica, Tarda antichità, Epoca protobizantina, Antropologia, Rifiuti, Vita quotidiana

Abstract

Lo scavo nel cosiddetto Quartiere Bizantino del Pythion di Gortina (Creta) ha riportato alla luce una serie di contesti ceramologici che meritano di essere indagati non solo in funzione della datazione o dello studio dei processi economici di produzione e distribuzione della ceramica, ma anche e soprattutto in una prospettiva antropologica, quali indicatori di comportamenti umani complessi in quel particolare contesto spazio-temporale. Da questo punto di vista, i frammenti ceramici possono infatti offrire informazioni importanti sui modi della vita urbana nel quartiere, sul sistema di smaltimento dei rifiuti e sul verificarsi di eventi traumatici che determinarono la trasformazione del tessuto urbano in età tardoantica e protobizantina.

Biografia autore

Enrico Zanini, University of Siena

Enrico Zanini insegna Metodologia della Ricerca Archeologica e Archeologia Tardoantica all'Università di Siena, a condotto scavi e ricerche in Italia e all'estero e dirige attualmente il progetto di ricerca sul c.d. nel Quartiere Bizantino del Pythion di Gortina (Creta). I suoi interessi di ricerca spaziano dall'archeologia urbana, all'archeologia tardoantica e protobizantina in Italia e nel Mediterraneo, alle applicazioni di nuove tecnologie alla ricerca archeologica, alla riflessione teorica sui metodi e le procedure di ricerca in archeologia. E' autore, tra l'altro, dei volumi Introduzione all'archeologia bizantina (Roma 1994) e Le Italie bizantine (Bari 1998).

##submission.downloads##

Pubblicato

2010-03-10

Fascicolo

Sezione

ATTI DEL CONVEGNO: La Ceramica di Gortina (Creta), a cura di G. Bejor ed E. Panero. Milano, 17 giugno 2009