Il progetto Siria: una proposta di archiviazione, ricerca e presentazione dati per Gortina e Mitropolis

Autori

  • Isabella Baldini University of Bologna
  • Pietro Baldassarri Università degli Studi di Bologna

DOI:

https://doi.org/10.13130/2035-4797/497

Parole chiave:

Gortina, Produzione, Banche dati, open source

Abstract

Il Progetto SIRIA, sviluppato nell’ambito di un progetto strategico del Dipartimento di Archeologia dell'Università di Bologna, è un sistema centralizzato per la gestione, la ricerca e la presentazione della documentazione archeologica. Il sistema è in grado di gestire, all'interno di un database relazionale, le classi di informazioni principali generate dalla ricerca archeologica: dati alfanumerici-tabulari, dati spaziali, immagini e in generale tutti i tipi di file che necessitano di essere archiviati. L'architettura del database, organizzata in un modo flessibile, consente agli utenti di utilizzare, in una struttura comune, gruppi specifici di informazioni (plug-in). L'obiettivo è andare incontro alle istanze dei singoli studiosi permettendo loro di organizzare liberamente i propri dati; inoltre, consentire l’integrazione dei dati e un allargamento della scala di riferimento dei singoli progetti. Il Progetto SIRIA aderisce alla filosofia e agli scopi del movimento open source: il codice è rilasciato sotto la licenza libera software GPLv3.

Biografie autore

Isabella Baldini, University of Bologna

Isabella Baldini è ricercatore di Archeologia cristiana e medievale e professore aggregato di Architettura e urbanistica tardoantica e protobizantina presso la Facoltà di Lettere dell'Università degli studi di Bologna.

Pietro Baldassarri, Università degli Studi di Bologna

Pietro Baldassarri è tutor presso il centro ricerche TE.M.P.LA. (Tecnologie Multimediali per l'archeologia) del Dipartimento di Archeologia dell'Università di Bologna.

##submission.downloads##

Pubblicato

2010-03-10

Fascicolo

Sezione

ATTI DEL CONVEGNO: La Ceramica di Gortina (Creta), a cura di G. Bejor ed E. Panero. Milano, 17 giugno 2009