L’edizione di un grande scavo: l’esempio di Hierapolis di Frigia

Autori

  • Giorgio Bejor University of Milan

DOI:

https://doi.org/10.13130/2035-4797/503

Parole chiave:

Hierapolis, Frigia, Turchia, bibliografia, Missioni italiane, scavi, edizione

Abstract

La puntuale e ricca rassegna bibliografica su Hierapolis di Frigia (Turchia), dove da più di cinquanta anni sono impegnati archeologi italiani, dà conto tanto delle più recenti pubblicazioni cartacee dedicate al sito e agli scavi archeologici ivi intrapresi, quanto degli altri veicoli di comunicazione scientifica e divulgativa, con particolare attenzione a quelli multimediali e telematici. Si apre così una più generale riflessione su quanto l’impegno di una delle più importanti e fruttuose missioni archeologiche italiane all’estero costituisca un esempio dei doveri scientifici che spettano a quanti gestiscono lo scavo di un grande contesto urbano: l’importanza dell’impostazione, della pianificazione e dell’edizione dei risultati di uno scavo estensivo di rilevanti dimensioni.

Biografia autore

Giorgio Bejor, University of Milan

Giorgio Bejor, Professore Ordinario di Archeologia e Storia dell’Arte Greca presso l’Università degli Studi di Milano, è Direttore scientifico di LANX, la Rivista elettronica della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dell’Università degli Studi di Milano e Direttore della stessa Scuola.

Si è occupato soprattutto di problemi di scultura, di architettura e di urbanistica, conducendo numerosi scavi e ricerche in Toscana, Calabria, Sicilia, Sardegna, Grecia, Turchia, Siria. Attualmente guida gli scavi dell’Università di Milano a Nora (Sardegna), Gortina (Creta) e Kyme (Turchia).

##submission.downloads##

Pubblicato

2010-03-10

Fascicolo

Sezione

NOTE e DISCUSSIONI