Lettera di Enrico Pirajno di Mandralisca a Karl von Estorff con notizie di scavi e ricerche numismatiche a Lipari ed acquisti antiquari a Tindari

Autori

  • Antonino Crisà University of Milan

DOI:

https://doi.org/10.13130/2035-4797/504

Parole chiave:

antiquaria, Pirajno, Lipari, Tindari, Sicilia, numismatica

Abstract

In questo articolo è presentata una bozza lettera di E. Pirajno di Mandralisca (1809-1864) a K. von Estorff (1811-1877). Il barone, esponente dell’antiquaria ottocentesca della Sicilia settentrionale, comunica la stesura di un’opera sulla monetazione di Lipara, momentaneamente ritardata da impedimenti tecnici. Intanto Pirajno prosegue a Lipari gli scavi presso i suoi terreni, anticamente occupati dalla necropoli, dove recupera numerosi manufatti archeologici. Anche i reperti acquistati a Tindari accrescono la sua collezione archeologica privata.  

Biografia autore

Antonino Crisà, University of Milan

Antonino Crisà ha conseguito la Laurea Magistrale (Archeologia, 2/S) in Archeologia e Storia dell’Arte Romana presso l’Università degli Studi di Milano (2007). È attualmente specializzando presso l’Università degli Studi di Milano e si occupa in particolare di archeologia, numismatica e collezionismo antiquario nella Sicilia settentrionale. È vincitore del “Concorso Nazionale per Giovani Numismatici under 30” (Cronaca Numismatica, 2006).

##submission.downloads##

Pubblicato

2010-03-10

Fascicolo

Sezione

NOTE e DISCUSSIONI