Armonia sotto controllo: la regolazione del credito sociale nelle ‘città modello’ cinesi

Autori

  • Marta Infantino Università degli Studi di Trieste
  • Weiwei Wang Università degli Studi di Trieste

DOI:

https://doi.org/10.13130/milanlawreview/15191

Parole chiave:

diritto cinese, sistema del credito sociale, rating, quantificazione, orientalismo giuridico

Abstract

Nel 2014 il governo cinese ha annunciato l’istituzione di un programma nazionale di credito sociale. L’iniziativa è sovente descritta in Occidente come uno strumento tecnologicamente avanzato di controllo autocratico attraverso l’attribuzione di un punteggio sociale. Scopo del presente contributo è dimostrare come una simile descrizione trovi fondamento in, e dia adito a, incomprensioni e pregiudizi rispetto al sistema giuridico cinese, esprimendo e perpetuando una visione ‘orientalistica’ di quest’ultimo. A questo fine, l’articolo si centra sulla regolazione dei programmi pilota di credito sociale attivi nelle ventotto città designate nel 2017 e nel 2019 come ‘modello’ dallo stesso governo cinese. L’analisi comparata di tali programmi dimostrerà come le città modello, almeno per il momento, evitino di ricorrere a sistemi di punteggio sociale facciano uso di tecnologie low-tech e di natura descrittiva, prevedano sanzioni limitate e, soprattutto, abbiano adottato un quadro giuridico relativamente trasparente e attento ai diritti dei soggetti valutati, specie per quanto concerne il trattamento, la circolazione e la pubblicazione dei dati. Il quadro che ne risulta invita alla cautela nel giudicare il programma cinese di credito sociale, specie alla luce delle numerose forme di quantificazione delle performances e di misurazione delle persone il cui impiego è diffuso in Occidente.

Riferimenti bibliografici

Arsène S., China’s Social Credit System: A Chimera with Real Claws, Paris 2019.

Black J., The red and the black: China’s social credit experiment as a total test environment, in British Journal of Sociology, 2020, 489-502.

von Blomberg M., The Social Credit System and China’s Rule of Law, in Mapping China Journal, 2018, 79-112

Chen Y. e Cheung A., The Transparent Self Under Big Data Profiling: Privacy and Chinese Legislation on the Social Credit System, in Journal of Comparative Law, 2018, 356-378.

Daum J., Untrustworthy: Social Credit Isn’t What You Think It Is, in EUI Working Paper RSCAS, 2019, 39-41.

Devereaux A. e Peng L., Give us a little social credit: to design or to discover personal ratings in the era of Big Data, in Journal of Institutional Economics, 2020, 1-19.

Dubois de Prisque E., Le système de crédit social chinois. Comment Pékin évalue, récompense et punit sa population, in Futuribles, 2020, 27-45.

Lee C., Datafication, dataveillance, and the social credit system as China’s new normal, in Online Information Review, 2019, 952-970.

Liu C., Multiple social credit systems in China, in Economic Sociology, 2019, 22-32.

Pieranni S., Red Mirror. Il nostro futuro si scrive in Cina, Roma-Bari 2020, 4a ed.

Qiang X., The Road to Digital Unfreedom: President Xi’s Surveillance State, in Journal of Democracy in 53-67.

Síthigh D. e Siems M., The Chinese Social Credit System: A Model for Other Countries, in Modern Law Review, 2019, 1034-1071.

##submission.downloads##

Pubblicato

2021-02-25

Fascicolo

Sezione

Articoli