Il sirventese «Felon cor ai et enic» di Percivalle Doria

Contenuto principale dell'articolo

Giulio Cura Curà

Abstract

Il contributo propone edizione e studio del sirventese Felon cor ai et enic (1258-1259), in cui Percivalle Doria mostra due aspetti salienti della sua personalità e della sua vita: il coinvolgimento politico e l’impegno poetico. L’autore elogia re Manfredi di Svevia e gli offre il suo sostegno nelle lotte per il potere in cui è implicato.

The essay offers an edition and analysis of the sirventes Felon cor ai et enic (1258-1259), where Percivalle Doria shows two distinguishing aspects of his personality and life: political participation and poetical care. The author praises king Manfredi and gives to him his support in the fights for power in which he is implicated. 

Dettagli dell'articolo

Sezione
Testi
Biografia autore

Giulio Cura Curà, Università degli Studi di Pavia

GIULIO CURA CURÀ (giulio.curacura@libero.it) si è laureato in Lettere moderne all’Università di Pavia (1999) e ha conseguito il Dottorato di ricerca all’Università di Torino (2003). Ha pubblicato edizioni e studî di letteratura italiana antica (testi ascetici, Percivalle Doria, Bonvesin da la Riva, Brunetto Latini, Dante Alighieri, Jacopo Alighieri, Giovanni Villani) e di letteratura provenzale, in particolare sui trovatori minori del Duecento e sulla poesia e sulla trattatistica del Trecento. Tra i lavori in corso si segnalano l’edizione critica del Dottrinale di Jacopo Alighieri, le ricerche su testi religiosi in volgare e sulla poesia provenzale dei secoli XIII-XIV . 

Puoi leggere altri articoli dello stesso autore/i