La voce minimale

Autori

  • Jacopo Leone Bolis

DOI:

https://doi.org/10.13130/2465-0137/3069

Abstract

Il presente articolo analizza l'utilizzo dell'elemento vocale all'interno delle logiche compositive e estetiche del minimalismo musicale statunitense attraverso lo studio di alcune composizioni a firma di Steve Reich (It’s gonna rain, Come Out), Philip Glass (Einstein on the beach - Knee play 5) e Terry riley (Church of Anthrax, Descending Moonshine Dervishes, Atlantis Nath).

##submission.downloads##

Pubblicato

2013-10-10

Fascicolo

Sezione

Saggi