Su personaggio, pensiero e storia nel romanzo-monologo. Con esempi tratti da Peter Weiss e Wolfgang Hildesheimer

  • Serena Grazzini Università di Pisa
Parole chiave: Monologue; Literary character; Peter Weiss; Wolfgang Hildesheimer; Modernism; Postmodernism; Der Schatten des Körpers des Kutschers; Tynset

Abstract

Dopo lo scetticismo nei confronti della nozione del personaggio, il ritorno alla narrazione nella letteratura degli ultimi decenni ha stimolato, nel discorso critico, una certa irritazione nei confronti di molta letteratura novecentesca di matrice modernista. La critica è anzi sfociata ormai da tempo in severi giudizi etici quando non addirittura moralistici su questa letteratura che, nel mettere in scena l’uomo che pensa, lo isolerebbe dal mondo, minando ogni sua possibilità di sviluppo e, con ciò, il dispiegamento della narrazione. In considerazione di questi giudizi, il contributo propone una riflessione diversa su un personaggio emblematico della tradizione letteraria oggi sotto accusa: il personaggio locutore del romanzo-monologo. Tramite alcuni considerazioni teoriche sulle caratteristiche del personaggio monologante e  l’analisi di testi della letteratura tedesca secondo novecentesca, l’attenzione sarà focalizzata, in particolare, sul rapporto che questi personaggi e, con loro, i romanzi-monologo intrattengono con la storia.

Riferimenti bibliografici

Bachtin, Michail. Dostoevskij. Poetica e stilistica. Einaudi, 2002.
Benn, Gottfried. “Replica a Alexander Lernet-Holenia.” Id./Lernet-Holenia, Alexander. Arte monologica?, a cura di Amelia Valtolina. Tr. it. di Amelia Valtolina e Luciano Zagari. Adelphi, 2018, pp. 19-29.
Bigler, Regula. Surreale Begegnungen von Bild und Text. Lektüren im intermedialen Dialog. Fink, 2014.
Bommert, Christian. Peter Weiss und der Surrealismus. Westdeutscher Verlag, 1991.
Braese, Stephan. Die andere Erinnerung. Jüdische Autoren in der westdeutschen Nachkriegsliteratur. text + kritik, 2010.
Bürger, Christa. Theorie der Subjektivität. Suhrkamp, 1980.
Carletti, Lorenzo. “«Ich bin der Anschauung nach ein Surrealist und alles, was ich schreibe, ist surrealistisch».” Le incursioni di Wolfgang Hildesheimer nella critica d’arte. Wolfgang Hildesheimer, a cura di Serena Grazzini. Cultura Tedesca, n. 54, 2018, pp. 125-140.
Cosgrove, Mary. Born under Auschwitz. Melancholy Traditions in Postwar German Literature. Camden House, 2014.
De Angelis, Enrico. Peter Weiss. Autobiografia di un intellettuale. De Donato, 1971.
Debenedetti, Giacomo. “Commemorazione provvisoria del personaggio-uomo.” Il personaggio uomo. Prefazione di Raffaele Manica. Il Saggiatore, 2016, pp. 35-78.
Freund, Winfried. “’Neue Objektivität’. Die Rückkehr zum Erzählen in den neunziger Jahren.” Der deutsche Roman der Gegenwart, hrsg. v. Wieland Freund, Winfried Freund. Fink, 2001, pp. 77-99.
Grazzini, Serena (a cura di). Wolfgang Hildesheimer. Cultura tedesca, n. 54, 2018.
Grilli, Alessandro. “Personaggio e persona nel monologo teatrale antico.” L’arte del monologo e l’azione sospesa, a cura di Claudio Vincentini. Pacini, 2017, pp. 25-54.
Hildesheimer, Wolfgang. Tynset. Rizzoli, 1968.
——. Das Ende der Fiktionen. Suhrkamp, 1984.
Kruse, B. Arnold. “Il linguaggio monologico ne ‘I quaderni di Malte Laurids Brigge’ di Rilke.” La parola dell’io. Forme e funzioni del monologo, a cura di Carlo di Giovine. Dipartimento di Studi Letterari e Filologici – Università degli Studi della Basilicata, 2006, pp. 99-127.
Medda, Enrico. La forma monologica. Ricerca su Omero e Sofocle. Scuola Normale Superiore di Pisa, 1983.
Medda, Enrico. “L’eroe alla porta. Osservazioni su una tipologia del monologo tragico”. La parola dell’io. Forme e funzioni del monologo. Potenza, 11 maggio 2005, a cura di C. Di Giovine. Dipartimento di Studi Letterari e Filologici. Università della Calabria, 2006, pp. 9-35.
Müller, Wolfgang G. “Das Ich im Dialog mit sich selbst: Bemerkungen zur Struktur des dramatischen Monologs von Shakespeare bei zu Samuel Beckett.” Deutsche Vierteljahrsschrift, n. 2, 56, 1982, pp. 314-333.
Musil, Robert. L’uomo senza qualità, ed. it. a cura di A. Frisé, introd. di B. Cetti Marinoni, trad. it. di Anita Rho, Gabriella Benedetti e Laura Castoldi, 2 voll. Einaudi, 2014.
Pedrini, Patrizia. L’autoinganno. Cos’è e come funziona. Laterza, 2013.
Sanna, Antonietta. La parola solitaria. Il monologo nel teatro francese del Seicento. Quodlibet 2008.
Schwab, Gabriele. “«Where I am there is no one but me who am not» – Die Nicht-Ich Fiktion eines Icherzählers in Samuel Becketts The Unnamable.” Individualität, a cura di Manfred Frank e Anselm Haverkamp. Fink, 1988, pp. 509-541.
Söllner, Alfons. Peter Weiss und die Deutschen. Die Entstehung einer politischen Ästhetik wider die Verdrängung. Westdeutscher Verlag, 1988.
Stara, Arrigo. L’avventura del personaggio. Le Monnier, 2004.
——.“«Poche righe di vita». Sulla vocazione al minore del personaggio contemporaneo.” I personaggi minori. Funzioni e metamorfosi di una tipologia del romanzo moderno, a cura di Stefania Sbarra, Pacini, 2017.
Steiner, George. a. La poesia del pensiero. Dall’ellenismo a Paul Celan. Garzanti, 2012.
Testa, Enrico. Eroi e figuranti. Il personaggio nel romanzo. Einaudi, 2009.
Vicentini, Claudio (a cura di). L’arte del monologo e l’azione sospesa. Pacini, 2017.
Vietta, Silvio. Die literarische Moderne. Eine problemgeschichtliche Darstellung der deutschsprachigen Literatur von Hölderlin bis Thomas Bernhard. Metzler, 1992.
Wagner, Isabel. Textklänge und Bildspuren. Musikliterarische Selbstreflexivität in Wolfgang Hildesheimers monologischer Prosa. Rombach, 2014.
Weiss, Peter. L’ombra del corpo del cocchiere. Feltrinelli, 1968.
Pubblicato
2020-07-02
Come citare
GrazziniS. (2020). Su personaggio, pensiero e storia nel romanzo-monologo. Con esempi tratti da Peter Weiss e Wolfgang Hildesheimer . ENTHYMEMA, (25), 160-176. https://doi.org/10.13130/2037-2426/13833
Fascicolo
Sezione
Per una nuova antropologia del personaggio