Il laboratorio infinito di Vladmir Gubin

  • Mario Caramitti Università di Roma – Tor Vergata
Parole chiave: Samizdat, avanguardia, metrizzazione, autodenigrazione, Leningrado

Abstract

Vladimir Gubin partecipa attivamente negli anni Sessanta alla vita letteraria della Leningrado del disgelo ma, all'avvento della stagnazione brežneviana, solo limitatamente e temporanenamente si inserisce nei circoli del Samizdat, scegliendo alla fine un completo isolamento. E per più di venti anni (1976-1997) elabora, rivede, riformula, affina e cesella un unico testo in prosa completa- mente metrizzata, Illarion e il Nano, che somma il lascito di tutte le stagioni delle avanguardie e raggiunge un livello di densità della parola poetica con pochissimi eguali nel secondo Novecento russo.All'interno di un libro ancora del tutto inesplorato a livello critico, ci si sofferma in parti- colare sul fittissimo tessuto di riferimenti metaletterari, che tracciano un articolato affresco del mondo della creazione clandestina. 

Biografia autore

Mario Caramitti, Università di Roma – Tor Vergata
Dipartimento di Studi Umanistici
Pubblicato
2015-07-01
Come citare
CaramittiM. (2015). Il laboratorio infinito di Vladmir Gubin. ENTHYMEMA, (12), 100-108. https://doi.org/10.13130/2037-2426/4947
Fascicolo
Sezione
Studi