La tinta di Robert Wilson per il Macbeth verdiano

Autori

  • Valentina Garavaglia Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM, Milano

DOI:

https://doi.org/10.13130/2039-9251/3253

Abstract

There is a significant difference between Shakespeare’s plays and Verdi’s melodramas: the complex modern-bourgeois Weltanschauung of Verdi’s works, whose central personage is always dialectically engaged with other social figures and is characterized by the force of impetuous passion. Robert Wilson’s staging of Macbeth accurately interprets the sense of the grotesque that inspired Verdi, resonating with the particular blend (gestalt) of words, music and sets intended by the Maestro of Busseto and ably appropriated by the Texan director, who coherently presents the score and the theme of passion objectively, distancing it from the character who experiences pathos on stage, produced by an internal conflict of an ethicalsocial nature.

Riferimenti bibliografici

ABBIATI, Franco, La vita e le opere di Giuseppe Verdi, 4 voll., Ricordi, Milano 1959.

ARTAUD, Antonin, Il teatro e il suo doppio, Einaudi, Torino 2000.

BALDACCI, Luigi, La cultura musicale in Italia. I libretti d’opera dell’Ottocento, Rizzoli, Milano 1997.

BARBIERI, Guido, “Macbeth è un automa nell’incubo di Wilson”, in La Repubblica, 10 febbraio 2013.

BASEVI, Abramo, Studio sulle opere di Giuseppe Verdi, Ruggimenti, Milano 2001.

BENEDIX, Roderich, Die Shakespearomanie: Zur Abwehr, Cotta, Stuttgart 1873.

BERTONI, Franco – QUADRI, Franco - STEARNS, Robert, Robert Wilson, Octavo, Firenze 1997.

BUDDEN, Julian, Le opere di Verdi, Da Oberto a Rigoletto, Vol. 1, EDT musica, Torino 1985.

CESARI, Gaetano, LUZIO, Alessandro (a cura di), I copialettere di Giuseppe Verdi, Tip. Stucchi Ceretti & C., Milano 1913.

CISOTTI, Virginia, Schiller e il melodramma di Verdi, La Nuova Italia, Firenze 1975.

CONATI, Marcello, “Aspetti della messinscena del Macbeth di Verdi”, Nuova rivista musicale italiana, XV, 3, luglio-settembre 1981.

D’AMICO, Fedele, “Note sulla drammaturgia verdiana”, in F. Serpa (a cura di), Un ragazzino all’Augusteo: scritti musicali, Einaudi, Torino 1991.

DAHLHAUS, Carl, Il realismo musicale, Il Mulino, Bologna 1982.

DEGRADA, Francesco, “‘Questo è un dramma che non ha nulla di comune cogli altri’: il primo incontro tra Verdi e Shakespeare”, in G. Verdi, Macbeth, Programma di sala, Edizioni del Teatro alla Scala, Milano 1997.

GALLARATI, Paolo, “Il melodramma ri-creato. Verdi e la trilogia popolare”, in C. Fertonani, E. Sala, C. Toscani (a cura di), Finché non splende in ciel notturna face. Studi in memoria di Francesco Degrada, Led, Milano 2009.

GIORDANETTI, Piero, MAZZOCUT-MIS, Maddalena, Rappresentare il brutto, Scriptaweb, Napoli 2007.

GOLDIN FOLENA, Daniela, “Verdi e il Corso di Letteratura drammatica di August Wilhelm Schlegel”, in D. Goldin Folena, W. Osthoff, R. Franke (hrsg. v.), Verdi und die deutsche Literatur: Tagung im Centro Tedesco di Studi Veneziani, Wenedig, 20-21 november 1997, Laaber Verlag, Laaber 2002.

GUCCINI, Gerardo, “La drammaturgia dell’attore nella sintesi di Giuseppe Verdi”, Teatro e Storia, IV, 2, ottobre 1989.

HOLMBERG, Arthur, The theatre of Robert Wilson, Cambridge University Press, Cambridge 1996.

HUGO, Victor, “Préface de Cromwell”, in Théatre complet, tomo I, Gallimard, Parigi 1963.

ISOTTA, Paolo, “Macbeth, il re giusto di Wilson grottesco come voleva Shakespeare”, Corriere della Sera, 9 febbraio 2013.

LOSADA, José Manuel, “Victor Hugo et le grotesque”, Thélème. Revista Complutense de Estudios Franceses, n. 21, 2006.

MONTAZIO, Enrico, “Appendice teatrale. Cronaca fiorentina […] Viaggi e Peripezie della macchina per la Fantasmagoria del Macbeth di Verdi”, La Rivista di Firenze, 75 (1847).

PANOFSKY, Erwin, La prospettiva come forma simbolica e altri scritti (1927), Feltrinelli, Milano 1961.

PAUL, Jean, Cours preparatoire d’Esthétique, traduit par A.M. Lang et J.L. Nancy, L’age d’Hommes, Lausanne 1979.

PAUL, Jean, Il comico, l’umorismo e l’arguzia: arte e artificio del riso in una «Propedeutica all’estetica» del primo Ottocento, a cura di E. Spedicato, Il poligrafo, Padova 1994.

ROSEN, David, PORTER, Andrew, Verdi’s Macbeth. A Sourcebook, Cambridge University Press, Cambridge 1984.

ROSENKRANZ, Karl, Aesthetik des Hässlichen, Verlag der Gebrüder Bornträger, Königsberg 1853; Estetica del brutto, tr. it. di R. Bodei, Il Mulino, Bologna 1984.

RUSCONI, Carlo, Teatro completo di Shakespeare voltato in prosa da Carlo Rusconi, Pomba, Torino 1838.

SCHLEGEL, Wilhelm August, Corso di letteratura drammatica; versione italiana con note di Giovanni Gherardini, Società tipografica de’ classici italiani, Milano 1817.

SCHLEGEL, Wilhel August, Corso di Letteratura drammatica; versione italiana con note di Giovanni Gherardini, seconda edizioni napoletana a cura di V. Cosentino, Gabriele Sarracino, Napoli 1859.

SMITH, Patrick J., La decima musa. Storia del libretto d’opera, Sansoni, Firenze 1981.

WALKER, France, “Cinque lettere verdiane”, La Rassegna Musicale, XXI, 3, luglio 1951.

WEISS, Piero, “Verdi and the Fusion of Genres”, Journal of the American Musicological Society, XXXV, 1982; ora in BIANCONI, Lorenzo (a cura di), La drammaturgia musicale, Il Mulino, Bologna 1986.

WILSON, Robert, “Il mio Macbeth”, in G. Verdi, Macbeth, programma di sala, Teatro Comunale di Bologna, Pendragon, Bologna 2013.

##submission.downloads##

Fascicolo

Sezione

Sezione monografica - Verdi e il grottesco