GRAMMATICA (PERCHÉ, QUANDO E COME) E PRATICA TESTUALE

  • Francesco Sabatini

Abstract

Il panorama di riferimento è quello della condizione comune di un discente che alla L1 (materna e della società circostante) affianca l’apprendimento di una L2. Il discorso è tuttavia svolto interamente nell’ambito della L1, nella convinzione che senza una padronanza d’uso e una cognizione riflessa dei meccanismi grammaticali e testuali perseguite e raggiunte in questo campo, l’apprendimento di una L2 non trova nel discente terreno adatto. Altro dato presupposto è quello di un percorso d’istruzione previsto di 10 anni (durata dell’obbligo) con esiti che rispondano alle esigenze imposte dalle civiltà complesse per la generalità degli individui. In relazione a tali premesse, si distinguono fortemente i tempi dell’alfabetizzazione (da curare intensivamente nell’istruzione primaria) dai tempi della conoscenza riflessa dei meccanismi grammaticali e dei processi testuali. Gli uni e gli altri da impostare, poi, sulla base dei MODELLI oggi considerati più scientifici e produttivi, e cioè, rispettivamente: della grammatica valenziale, che conduce alla migliore raffigurazione della frase, come entità del SISTEMA della lingua; del patto comunicativo tra emittente e ricevente, come fattore che regolamenta la forma dei diversi tipi di TESTO, destinati a un’interpretazione più rigida (se più aderenti alle forme del sistema) o più elastica (se variamente discosti da esse).

 

Grammar (why, when and how) and textual practice 

The frame of reference is that of a learner who combines learning L2 with L1 (maternal and surrounding society).  However, the discussion is carried out within the context of L1, because without mastery of use and knowledge reflected in the grammatical and textual mechanisms, L2 learning does not find the right terrain.  Another prerequisite is a 10-year educational course (duration of obligatory schooling) with results that meet needs imposed by complex societies.  In relation to these premises, the time for literacy (to be intensively treated in primary education) is strongly distinguished from the time for knowledge that reflects grammatical mechanisms and textual processes.  They are both based on MODELS that today considered more scientific and productive, namely: valency grammar, which leads to the best representation of a sentence, as an entity of the SYSTEM of the language;  as well as communication agreement between the issuer and the receiver, as a factor that regulates the shape of the different types of TEXTS intended for more rigid interpretation (if closer to the forms of the system) or more elastic (if different from them).

Pubblicato
2020-01-15
Sezione
EDUCAZIONE LINGUISTICA