UN GENERE A SÉ. L’INTERAZIONE VERBALE NEI VIDEOCORSI DEI MANUALI DI ITALIANO LS/L2

Autori

  • Franco Pauletto

DOI:

https://doi.org/10.13130/2037-3597/15865

Abstract

Questo articolo adotta un approccio conversazionale per  l’analisi dei videocorsi di quattro manuali di italiano L2/LS attualmente in commercio, al fine di esplorarne le caratteristiche interazionali. L’analisi qualitativa ha evidenziato come questi supporti didattici condividano molti dei tratti tipici del parlato filmico, a partire dall’assenza delle sporcature proprie delle conversazioni spontanee e dalla completezza e compattezza sintattica degli enunciati. Sono stati inoltre rilevati alcuni aspetti problematici a carico della temporalità e della sequenzialità delle azioni, fatti che nel loro complesso rendono queste interazioni qualitativamente diverse da quelle naturali. In generale, nella produzione di questi materiali didattici sembra essere stata privilegiata la comprensibilità a scapito della verosimiglianza. Lo studio evidenzia come questi videocorsi restituiscano solo in parte le caratteristiche tipiche del parlato-in-interazione, rendendone quindi problematico un uso didattico che miri a sostenere lo sviluppo della competenza interazionale de/i/lle apprendenti.

 

A genre in itself. Verbal interaction in video courses from Italian FL/L2 manuals

This article applies a conversational approach to the analysis of the video courses from four L2/FL Italian textbooks currently on the market in order to explore their interactional characteristics. The qualitative analysis shows that these teaching materials share many traits with the so-called parlato filmico (virtual absence of all the phenomena characterizing spontaneous conversations, syntactically complete utterances etc.). In addition, some problematic aspects concerning the temporality and sequentiality of actions have been identified which make these interactions qualitatively different from natural ones. In general, comprehensibility seems to be privileged at the expense of plausibility in the production of these sit-coms. The results of this study show that these interactions are only partially similar to spontaneous ones, and thus not entirely suitable for educational use aimed at supporting the development of the learners’ interactional competence.

##submission.downloads##

Pubblicato

2021-07-05

Fascicolo

Sezione

ITALIANO LINGUA SECONDA/STRANIERA