COMPETENZA PRAGMATICA IN ITALIANO L2: L’USO DEI SEGNALI DISCORSIVI DA PARTE DEGLI APPRENDENTI CROATI

  • Magdalena Nigoević
  • Patricia Sučić

Abstract

Questo contributo esplora la produzione dialogica in italiano da parte degli apprendenti di lingua materna croata con l’obiettivo di determinare la loro competenza interazionale e pragmatica in italiano L2. Particolare attenzione si è rivolta ad un aspetto caratteristico della produzione dialogica, ai segnali discorsivi ‒ espedienti dialogici per eccellenza. I parlanti nativi usano segnali discorsivi con una vasta gamma di funzioni dialogiche, mentre l’acquisizione dei segnali discorsivi italiani è un territorio relativamente inesplorato e i segnali discorsivi vengono raramente insegnati. in maniera esplicita. La capacità di riconoscere e utilizzare i segnali discorsivi italiani adeguatamente, vale a dire secondo le loro funzioni pragmatiche, rivela il livello della competenza pragmatica dell’apprendente di una lingua straniera.

Ai fini dello studio presente, gli apprendenti di italiano sono stati classificati in diversi gruppi in base alla durata dell’ istruzione (principianti, intermedi, avanzati) e/o al tipo di ambiente di apprendimento (studenti universitari, corsi di lingua straniera, “full immersion”). L’analisi si è concentrata maggiormente sulla frequenza d’uso e su alcune funzioni dei segnali discorsivi italiani adoperati. Lo scopo di questo studio era quello di esaminare la differenza tra l’uso dei segnali discorsivi relativo ai diversi livelli e ambienti educativi della lingua italiana da parte degli apprendenti croati di italiano L2 e di osservare le caratteristiche di una possibile influenza derivata dal L1.

 

 

Pragmatic competence in Italian L2: the use of discourse signals in Croatian-speaking learners

This contribution explores the dialogue production of Croatian-speaking learners of Italian as a second language (L2) with the objective to determine their competence in L2 interactions.

Special attention is paid to one particular aspect of dialogue production, discourse markers -dialogical expedients par excellence. Native speakers use discourse markers for a wide variety of dialogue functions, while the acquisition of (Italian) discourse markers is a relatively unexplored area and discourse markers are hardly ever explicitly taught. The ability to recognize and use Italian discourse markers correctly, in terms of their pragmatic functions, reveals the learners’ pragmatic competence.

For this particular study, the learners of Italian were classified in different groups according to length of instruction (basic, elementary, advanced) and/or type of learning environment (university students, foreign language courses, “full immersion”). The analysis focused on the frequency of use and some functions of Italian discourse markers. The purpose of this study was to examine the difference between the Italian learners’ use of discourse markers and to observe the instances of a possible L1 influence.

Pubblicato
2012-01-30
Sezione
ITALIANO LINGUA SECONDA/STRANIERA