Percorsi di apprendimento per gli stranieri nella scuola italiana

  • Laura Sala

Abstract

Nell’articolo si passano in rassegna le nuove proposte editoriali per gli studenti non italofoni nella scuola secondaria di primo grado e di uno in particolare, a titolo esemplificativo, si analizzano più da vicino le caratteristiche. L’indagine considera le strategie di scrittura controllata messe in atto nei testi. Infatti, tutti questi manuali (antologie, grammatiche, libri di storia) sono realizzati secondo un’idea comune: le difficoltà poste dall’italiano per lo studio agli stranieri devono essere appianate attraverso la semplificazione: per quanto riguarda le discipline scolastiche facilitare l’apprendimento significa soprattutto semplificare i testi per fornire conoscenze e nozioni fondamentali e competenze e abilità di base da cui sia possibile poi accedere a livelli più alti e raffinati. Si sottolinea, dunque, che  la versione semplificata dei testi dei manuali disciplinari deve essere intesa come strumento propedeutico, transitorio, che aiuta l’apprendente a compiere i primi passi nello sviluppo delle abilità di studio sia orali che scritte da cui procedere verso competenze linguistico-cognitive più ambiziose.

 

In this paper an overview is given of the new publications for non-Italian speakers at lower secondary schools and the main features of one text in particular are examined in greater detail as an example.  The study takes into consideration the strategies of graded texts.   In fact all these textbooks (anthologies, grammars, history books) are written with a common purpose: the difficulties foreigners encounter due to the use of Italian must be smoothed out by means of simplification: as regards school subjects, to a great extent facilitating learning means simplifying the texts in order to provide essential knowledge and basic concepts and competences, which can be used as a starting point for accessing higher and more sophisticated levels of learning.  It is therefore emphasized that the simplified versions of textbooks for the various subjects must be considered as transitory, preparatory tools, which help the learner to move her first steps towards developing the oral and written study skills from which she will be able to proceed towards more ambitious linguistic-cognitive competences.

 

 

Pubblicato
2009-12-28
Sezione
ITALIANO LINGUA SECONDA/STRANIERA