Salta al menu principale di navigazione Salta al contenuto principale Salta al piè di pagina del sito

Articoli

V. 2 N. 2 (2021): L’artivismo: forme, esperienze, pratiche e teorie

Non più arte, solo vita. 4.0. Dall’artivismo simulativo alle tattiche di soppiantamento nella rete

  • Laura Baigorri
DOI
https://doi.org/10.13130/connessioni/15261
Inviata
March 13, 2021
Pubblicato
2021-03-13

Abstract

I progetti artistici di natura attivista che trovano esecuzione su internet sono solitamente simulatori, fanno appello fondamentalmente alla riflessione e modificano poco o nulla della vita delle persone interessate. Sebbene ci sianoanche alcune proposte artiviste che sono riuscite a intervenire sulla realtà e a cambiare i fatti, a volte grazie allepotenzialità comunicative della rete, altre perché il contesto dell’arte ha fermato i colpi... ma questa posizionerichiede un equilibrio che è sempre più difficile da mantenere. Quali sono i vantaggi e gli svantaggi dello sviluppo di progetti attivisti nel campo dell'arte? Questo testo solleva una riflessione su questa questione attraverso l’analisi deilavori paradigmatici dei primi collettivi artistici attivisti che utilizzarono internet alla fine degli anni Novanta: Critical Art Ensemble (CAE) con Flesh Machine e Free Range Grains, EDT. The Electronic Disturbance Theatre con Swarm, rtmark con Voteauction, 01.org (Franco e Eva Mattes) con Nikeground, Etoy.com con Toy war.