Il chiliagono visualizzato. Un filo conduttore della filosofia cartesiana della conoscenza sensibile dal Compendio di musica alle Meditazioni di filosofia prima

Autori

  • Sonia Ghidoni Università degli Studi di Milano

DOI:

https://doi.org/10.13130/2039-9251/769

Abstract

Uno studio comparativo di due esempi cartesiani relativi alla percezione dei rapporti musicali e geometrici consente di isolare un filo conduttore della teoria della conoscenza sensibile del filosofo: alcune scelte teoriche sembrano infatti trasversali alle diverse fasi e alle significative ridefinizioni del suo pensiero gnoseologico, esemplificate da alcune importanti prese di posizione rilevabili nella Diottrica e nel Mondo. L’unificazione teorica della percezione visiva e di quella uditiva, possibile solo sul sostrato metafisico della mens (non necessariamente intesa radicalmente come res), analizzato nel Compendio di Musica solo a un livello ancora embrionale, si rivela il presupposto ineliminabile di tale ricerca.

##submission.downloads##

Pubblicato

2010-12-22

Fascicolo

Sezione

Saggi