Nietzsche e la sfida comunitaria. Politica, amicizia, Übermensch.

Autori

  • Salvatore Granata

DOI:

https://doi.org/10.13130/2239-5474/7332

Parole chiave:

Nietzsche, comunità, individuo, comunitarismo, Übermensch, amicizia. Übermensch, friendship

Abstract

Questo studio intende comprendere la prospettiva genealogica e biopolitica nietzscheana, negli anni 1876-1888, sul senso e il ruolo del concetto di comunità e il tentativo nietzscheano di superarne il significato tradizionale, offrendone un’alternativa possibile. Pertanto si è tentato di seguire il pensiero di Nietzsche sulla formazione comunitaria; la relazione ontologica e politica individuo-comunità; le strategie di conservazione immunitaria e di esclusione messe in atto all’interno dell’organismo politico e sociale; la costruzione comunitaria dell’individuo, il suo governo e il suo ruolo all’interno della comunità, pensata come possibile se organizzata gerarchicamente e aristocraticamente.

Si è scelto come paradigma della lettura nietzscheana della comunità quella zarathustriana degli amici, per mettere in luce il problema del pensiero di un essere in comune; a tal proposito si è cercato di pensare l’eventualità dell’Übermensch come risposta etico-politica di Nietzsche alla fine della vecchia comunità religioso-metafisica e politica.

La lettura del pensiero nietzscheano ha offerto l’occasione di seguire Nietzsche nel tentativo di pensare un nuovo tipo di comunità e un nuovo individuo, strettamente legato al pensiero di un nuovo «tipo umano».

##submission.downloads##

Pubblicato

2016-07-10

Fascicolo

Sezione

Genealogia e pensiero delle pratiche