Contributi

Lettura affettiva ed ermeneutica strategica

Riccardo Frangi

Abstract


Questo articolo si occupa principalmente di tre questioni: come si interagisce quotidianamente con un messaggio codificato? Come questa interazione e la conseguente decodifica incidono sulla prassi dei soggetti interagenti? Come questo aspetto della vita quotidiana si riflette sulla pratica filosofica? Queste tre problematiche sono affrontate attraverso l’aiuto di due concetti: la “lettura affettiva” si rapporta principalmente alle prime due, mentre “l’ermeneutica strategica” si occupa più da vicino la terza problematica. Pertanto questo articolo inizia domandandosi cosa sia di preciso la lettura affettiva e cerca di mostrare come questo particolare tipo di lettura è praticato quotidianamente per orientarci all’interno del nostro commercio con il mondo. L’attenzione si sposta quindi a quali siano le applicazioni filosofiche di tale concetto per mostrare come lo si possa ritrovare abbondantemente anche nella nostra pratica disciplinare. A questo punto l’ermeneutica strategica entra nel vivo della scena, poiché questo concetto è esattamente l’applicazione metodica della lettura affettiva come strumento filosofico. Viene quindi mostrato cosa significhi impiegare la lettura affettiva come metodo e viene fornito un esempio di tale attività. Viene infine mostrato come questo metodo filosofico influenzi la nascita e la formazione della soggettività filosofica attraverso la prospettiva fornita dalla teoria lacaniana del complesso edipico.

Parole chiave

Sviluppo soggettività filosofica; complesso edipico; lettura affettiva; ermeneutica strategica

Full Text

PDF


DOI: https://doi.org/10.13130/2239-5474/9118

NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aunimi-21378



iconcina_75

Nóema - Rivista online di filosofia
Codice ISSN 2239-5474
Registrazione presso il Tribunale di Milano n. 260 del 10/05/2011

Direzione
Rossella Fabbrichesi, Carlo Sini

Caporedattore
Andrea Parravicini

Coordinatore editoriale
Enrico Redaelli

Redazione
Eleonora Buono, Paolo Beretta, Florinda Cambria, Camilla Pagani, Andrea Parravicini, Enrico Redaelli, Maurizio Scandella

Comitato scientifico
Charles Alunni (Ecole Normale Supérieure de Paris), Antonio Attisani (Università di Torino), Francesca Bonicalzi (già Università di Bergamo), Rosa Maria Calcaterra (Università di Roma 3) Alessando Carrera (University of Houston), Vincent Colapietro (Pennsylvania State University), Umberto Curi (Università di Padova), Carmine Di Martino (Università di Milano), Sergio Givone (già Università degli Studi di Firenze), Frédéric Gros (Institut d'études politiques de Paris/SciencesPo), Ivo Assad Ibri (Pontificia Universidade Católica de São Paulo), Enrico Guglielminetti (Università di Torino), Giacomo Marramao (Università di Roma 3), Salvatore Natoli (già Università degli Studi di Milano Bicocca), Rocco Ronchi (Università dell'Aquila), Barbara Stiegler (Université de Bordeaux-Montaigne/Institut Universitaire de France), Lorenzo Vinciguerra (Università d'Amiens/EHESS), Vincenzo Vitiello (già Università di Salerno)