Note e commenti

Il dialogo filosofico come strumento di ricerca

Antonio Cosentino

Abstract


Tra gli strumenti del lavoro filosofico, il dialogo, come forma di “transazione” dal vivo tra due o più persone, sembra aver avuto il suo inizio e la sua fine con Socrate. Nel corso dello sviluppo successivo della nostra tradizione filosofica il dialogo riappare solo come genere letterario. Il saggio vuole suggerire che il dialogo filosofico dal vivo, se rilanciato in forme nuove come pratica sociale diffusa orchestrata e sostenuta dalle competenze professionali del filosofo, promette di allargare i confini della vita esaminata.

Parole chiave

Dialogo; pratica filosofica; Socrate; comunicazione

Full Text

PDF


DOI: https://doi.org/10.13130/2239-5474/9525



iconcina_75

Nóema - Rivista online di filosofia
Codice ISSN 2239-5474
Registrazione presso il Tribunale di Milano n. 260 del 10/05/2011

Direzione
Rossella Fabbrichesi, Carlo Sini

Caporedattore
Andrea Parravicini

Coordinatore editoriale
Enrico Redaelli

Redazione
Eleonora Buono, Paolo Beretta, Florinda Cambria, Camilla Pagani, Andrea Parravicini, Enrico Redaelli, Maurizio Scandella

Comitato scientifico
Charles Alunni (Ecole Normale Supérieure de Paris), Antonio Attisani (Università di Torino), Francesca Bonicalzi (già Università di Bergamo), Rosa Maria Calcaterra (Università di Roma 3) Alessando Carrera (University of Houston), Vincent Colapietro (Pennsylvania State University), Umberto Curi (Università di Padova), Carmine Di Martino (Università di Milano), Sergio Givone (già Università degli Studi di Firenze), Frédéric Gros (Institut d'études politiques de Paris/SciencesPo), Ivo Assad Ibri (Pontificia Universidade Católica de São Paulo), Enrico Guglielminetti (Università di Torino), Giacomo Marramao (Università di Roma 3), Salvatore Natoli (già Università degli Studi di Milano Bicocca), Rocco Ronchi (Università dell'Aquila), Barbara Stiegler (Université de Bordeaux-Montaigne/Institut Universitaire de France), Lorenzo Vinciguerra (Università d'Amiens/EHESS), Vincenzo Vitiello (già Università di Salerno)