LA PROPOSTA DI UN METODO ERMENEUTICO E RELAZIONALE PER LA DIDATTICA DELLA LETTERATURA. I RISULTATI DI UN’INDAGINE SULLA LETTERATURA ITALIANA

  • Camilla Spaliviero

Abstract

Secondo il parere di più di uno studioso (tra cui Balboni, 2004; Armellini, 2008; Ceserani, 2010; Luperini, 2013; Rigo, 2014; Bertoni, 2018), negli ultimi decenni l’educazione letteraria in Italia è entrata in uno stato di criticità dovuto alla concezione anacronistica della letteratura e alla modalità altrettanto anacronistica con cui è insegnata. D’altra parte, le quote più alte di lettori e lettrici in Italia corrispondono alle fasce d’età dei ragazzi e delle ragazze di 11-17 anni (Istat, 2018) e la realtà scolastica italiana è sempre più multiculturale (Miur, 2019). Su queste basi, in questo articolo proponiamo un metodo ermeneutico e interculturale per la didattica della letteratura italiana L1, L2, LS fondato sull’approccio ermeneutico per l’educazione letteraria (Luperini, 2013), sulle abilità relazionali della comunicazione interculturale (Balboni, Caon, 2015) e sulle sequenze naturali di acquisizione della psicologia della Gestalt (Balboni, 2014). Successivamente, esponiamo i risultati di uno studio di caso svolto in cinque scuole secondarie di secondo grado della regione Veneto. L’indagine coinvolge 278 studenti di letteratura italiana di una classe 3ª, una classe 4ª e una classe 5ª di ciascun istituto e si prefigge l’obiettivo di scoprire qual è la percezione sull’insegnamento della letteratura italiana e cosa suggerirebbero per migliorarne l’insegnamento. Il disegno della ricerca è qualitativo e i dati sono raccolti attraverso questionari composti da domande aperte e chiuse. I risultati, seppur non generalizzabili, validano la nostra proposta di metodo, poiché mostrano che gli studenti (i) sono motivati allo studio della letteratura italiana, (ii) gradiscono ricercare i significati attuali delle opere e (iii) suggeriscono di dare più spazio all’interpretazione dei testi e all’interazione tra compagni.

 

A hermeneutic and intercultural method proposal for the teaching of literature. The results of a survey on Italian literature

According to several researchers (Balboni, 2004; Armellini, 2008; Ceserani, 2010; Luperini, 2013; Rigo, 2014; Bertoni, 2018), in the last decades literary education in Italy has entered a critical period due to an anachronistic idea of literature and to an equally anachronistic method of teaching it. On the other hand, the latest national reading statistics (Istat, 2018) show that the highest percentage of readers corresponds to young people aged between 11-17. At the same time, the Italian school context has become more and more multicultural (Miur, 2019). On these bases, in this article we present a hermeneutic and intercultural method for the teaching of Italian literature as L1, SL and FL. The method is based on the hermeneutic approach to literary education (Luperini, 2013), on the relational skills of intercultural communication (Balboni, Caon, 2015), and on the natural sequences of acquisition by Gestalt psychology (Balboni, 2014). Furthermore, we show the results of a case study implemented in five secondary schools in the Veneto region. The survey involved 278 students of Italian literature aged 16-18 and was aimed at exploring their perceptions about the teaching of Italian literature and how they would suggest improving it. A qualitative research design was implemented and data were collected through questionnaires made up of open and closed questions. Even if the results cannot be generalized, they validate our method as they demonstrate that students (i) are motivated to study Italian literature, (ii) appreciate researching the current significance of literary works and (iii) suggest giving more space to the interpretation of the texts and to the interaction among their peers.

Pubblicato
2020-07-20
Sezione
******