Filosofia e luogo pubblico

Autori

  • Rocco Ronchi

DOI:

https://doi.org/10.13130/2239-5474/1084

Abstract

Il luogo della filosofia, almeno per chi frequenta una certa tradizione e un certo strumentario filosofico, è quello genealogico e autobiografico, cioè quello che consiste nel chiedere conto del luogo stesso della filosofia, della sua pratica, della sua verità. Ora, questo cortocircuito, lungi dal configurare una condizione di paralisi, costituisce l'assoluto stesso della pratica filosofica e il fondamento in atto della verità a cui quella pratica dà legittimamente accesso. In questa stessa prospettiva va riaffrontata la questione "fenomenologica" della coscienza e della correlazione coscienza mondo, nonché il suo esito più avanzato, che riguarda, nel lessico della tradizione filosofica di cui si è detto, il problema dell'evento come nodo di relazioni.

##submission.downloads##

Pubblicato

2011-04-28

Fascicolo

Sezione

Note e commenti