Essere Natura

L'universo sinfonico e il delicato empirismo di Spinoza

Autori

  • Mattia Brambilla Università degli Studi di Milano

DOI:

https://doi.org/10.13130/2239-5474/16641

Parole chiave:

Spinoza, immanenza, implicazione ed esplicazione, comunanza formale, delicato empirismo, terzo genere di conoscenza, intelletto, universo sinfonico

Abstract

Attraverso i dubbi che Tschirnhaus rivolge a Spinoza circa l’impercettibilità degli attributi e la distinzione dell'essenza dell'intelletto divino con l'essenza dell'intelletto umano, il presente saggio si propone di studiare il rapporto fra totalità e parte e il senso dell’immanenza nell’ontologia spinoziana, con particolare attenzione alla diade implicazione-esplicazione che ne permette il funzionamento. La comunanza formale propria dell’immanenza, la quale fonda l’implicazione e l’esplicazione, risulta il concetto chiave per comprendere a un tempo lo statuto sinfonico dell’universo modale, in cui ogni cosa singolare richiama l'altra e il tutto, e il delicato empirismo che costituisce il terzo genere di conoscenza.

##submission.downloads##

Pubblicato

2021-10-29 — Aggiornato il 2022-02-08

Versioni