Se il filosofo ha un compito

Autori

  • Carmine Di Martino

DOI:

https://doi.org/10.13130/2239-5474/672

Parole chiave:

Decostruzionismo, fine della metafisica, circolo ermeneutico, Nietzsche, Heidegger, Derrida

Abstract

Il testo muove da una ricognizione dello “stile” complessivo dell’interrogazione filosofica contemporanea: stile decostruttivo, che si risolve in un’illustrazione del limite istitutivo e costitutivo di ogni dire filosofico (e non solo filosofico). In un secondo tempo del suo intervento, l’autore si chiede se una tale comprensione, puramente “negativa”, di quel limite e della validità della parola che ne discende, non sia essa stessa ideologica, e se non sia possibile frequentare una definizione positiva di tale limite, e una possibilità non soltanto autodecostruttiva della parola filosofica “dopo” Nietzsche, Heidegger, Derrida.

##submission.downloads##

Pubblicato

2011-01-10