N. 9 (2018)

Dal corpo vivente al corpo umano. Filosofia e biologia

Tema generale del numero

Due soglie custodiscono i problemi che stimolano, in modi tuttora oscuri e misteriosi, la ricerca scientifica e la riflessione filosofica: come nasce la vita sul nostro pianeta? Come emerge, dalla vita animale o animata, l’intelligenza umana, l’autocoscienza linguistica e la complessa struttura sociale e morale dei viventi umani? Queste domande sono oggi più che mai al centro di indagini scientifiche sempre più raffinate e dettagliate, che cercano di integrare insieme, in una cornice evoluzionistica il più possibile unitaria, differenti prospettive e differenti discipline, dagli studi chimico-fisici e in biologia molecolare e cellulare, fino alla paleontologia umana e all’archeologia. Un’indagine integrata che può contare oggi su strumenti sempre più sofisticati e potenti e su una massa di nuove conoscenze ed evidenze in rapida e drammatica espansione, che inevitabilmente mutano il nostro sguardo e gli oggetti dell’indagine, facendo emergere nuove domande di ricerca e nuovi modelli esplicativi all’interno di uno scenario evoluzionistico la cui struttura concettuale è anch’essa, oggi, soggetta a proposte di revisione e estensione.
E naturalmente non dobbiamo dimenticare che, al di là di tutto, chi pone questi interrogativi e questioni sull’origine e la natura del corpo vivente e su come quest’ultimo sia diventato umano, è esso stesso un vivente umano, determinato a essere come è e a domandare come domanda dalla sua storia “naturale” e “intellettuale”: passare la cosa sotto silenzio non sarebbe filosoficamente accettabile. Questa è appunto una soglia ulteriore di cui far conto in un dialogo proficuo tra filosofia e biologia.
L’ampiezza del problema, che coinvolge competenze molteplici e vie di ricerca anche lontane tra loro, suggerisce di circoscrivere e di privilegiare, in prima istanza, alcuni specifici percorsi, che spaziano dalle ricerche filosofiche di alcuni autori particolari, fino a tematiche di frontiera oggi al centro della riflessione filosofica e scientifica.

In sintesi, i possibili argomenti da trattare all'interno di questo numero sono:

- La ricerca sulle origini dell’autocoscienza da Chauncey Wright a George Herbert Mead e a John Dewey, anche nel loro rapporto fruttuoso con le indagini filosofiche e scientifiche odierne.

- La “Struttura del comportamento” in Merleau-Ponty.

- L’evoluzionismo, e in particolare l’evoluzione umana, da Darwin a oggi, fino ai più recenti dibattiti riguardanti la proposta di una rinnovata teoria dell’evoluzione estesa a molteplici patterne livelli.

- I progetti sull’intelligenza artificiale in relazione all’autocoscienza umana.

- le ricerche di frontiera nei differenti ambiti della biologia in rapporto alla questione della natura e dell’origine del vivente e del confine tra vivente e non vivente.

- Il rapporto che Nietzsche intrattiene con la biologia e gli studi biologici del suo tempo (Darwin, Roux, Haeckel, Virchow).

Linee guida per la presentazione degli articoli

Gli articoli proposti andranno adeguati ai criteri editoriali descritti nelle “Linee guida per gli Autori” e sottoposti alla Redazione attraverso la procedura guidata descritta nelle “Informazioni per gli Autori”. Il testo dovrà riportare il titolo del saggio ma in forma anonima, senza indicare il nome dell’autore (che inserirà il proprio nome soltanto nel format da compilare sul sito durante la procedura guidata). Nella procedura è richiesto di indicare un abstract, che dovrà essere di circa 1000 caratteri (in italiano e in inglese), e 5-10 parole chiave (in italiano e in inglese). I testi e i relativi materiali potranno essere caricati sul sito a partire dalla pubblicazione del presente Call for Papers fino al termine ultimo del 30 settembre 2018, in uno dei seguenti formati: .doc, .docx, .odt. Nei giorni successivi alla presentazione della proposta (solitamente nel giro di due-tre settimane) si riceverà un avviso riguardante l’eventuale avvio delle procedure di peer review, che avverrà in modalità “blind”. Per questo motivo si prega, in fase di caricamento della proposta sul sito della Rivista, di presentare il proprio contributo in forma anonima, affinché possa poi essere mandato in revisione.

In media la pubblicazione di ogni articolo avviene circa tre mesi dopo l’eventuale avvio delle procedure di revisione, anche se i tempi potranno variare caso per caso.

Sommario

Saggi

John Dewey
PDF